Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
11.1C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeMestre e terrafermaRubano bici "La rivuoi? 100 euro". A Mestre arrestata nuova baby gang: 17,18 e 19 anni

Rubano bici “La rivuoi? 100 euro”. A Mestre arrestata nuova baby gang: 17,18 e 19 anni

Venezia Mestre. Una nuova gang di giovanissimi estorsori smascherata dai Carabinieri di Mestre: 3 denunce. In tasca droga e i proventi dello spaccio.

Rubano bici "La rivuoi? 100 euro". A Mestre arrestata nuova baby gang: 17,18 e 19 anni

I Carabinieri di Mestre hanno denunciato in stato di libertà per il reato di estorsione e ricettazione in concorso e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti tre giovanissimi.

Alla vigilia della festività dell’Immacolata i militari della Stazione Carabinieri di Mestre avevano acquisito la denuncia di un quattordicenne, figlio di stranieri, al quale qualche giorno prima era stata rubata a scuola, la G.Cesare, la propria bici Bmx.

Dopo qualche giorno un conoscente aveva messo in contatto la vittima con N.M. italiano, classe 1999, già noto alle forze dell’ordine, il quale aveva richiesto al minore la somma di 100 euro per la restituzione della bicicletta oggetto di furto, ponendo in essere la tecnica criminale nota come “Cavallo di ritorno” richiedendo la somma attraverso i social network e whattapp.

Ricatto al quale la giovane vittima e i propri genitori non hanno voluto cedere, denunciando correttamente tutto ai Carabinieri della Stazione di via Miranese che attraverso alcuni accertamenti e riscontri testimoniali, riuscivano ad identificare compiutamente il “capetto” appena maggiorenne che aveva messo in atto il piano criminale.

Pertanto, nella giornata dell’Immacolata è stato attivato un dispositivo di pedinamento a distanza ravvicinata, al fine di garantire l’incolumità fisica del ricattato, fino all’appuntamento per la consegna di 100 euro stabilito al parco Piraghetto.

All’incontro, ovviamente, erano presenti anche i Carabinieri in borghese a garantire l’adeguata cornice di sicurezza e verificare i fatti.

All’arrivo dell’aguzzino accompagnato da altri due giovanissimi di origini bengalesi, uno minorenne di appena 17 anni R.S. e l’altro S.A.R. di 19 anni , dopo qualche attimo necessario per gli opportuni contatti e per consentire l’effettiva consegna del denaro, i militari dell’Arma hanno fatto scattare il controllo, bloccando i ragazzi con “le mani nel sacco” subito dopo aver ritirato i cento euro richiesti.

Ne conseguiva una perquisizione personale in esito alla quale i Carabinieri, oltre ai soldi appena ritirati e che erano stati preventivamente fotocopiati, rinvenivano nella disponibilità di N.M oltre 20 grammi di Marijuana e 165 euro ritenuti provento dell’attività di spaccio facendo scattare per lui anche la denuncia per possesso ai fini di spaccio di stupefacenti.

I Carabinieri stanno in queste ore procedendo all’analisi di furti di biciclette in zona per identificare eventuali condotte analoghe in centro.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.