7 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Rottamiamo e riformattiamo il Sindacato

HomeLettereRottamiamo e riformattiamo il Sindacato
la notizia dopo la pubblicità

manifestazione protesta basta tasse

Sindacati e Governo non si parlano: è davvero terminata l’era della concertazione?

I tavoli tra governo, sindacati e associazioni degli imprenditori, sono sempre stati considerati dai lavoratori come una vittoria, in passato; ora la concertazione ha accompagnato riforme, innovazioni e soprattutto depauperamento dei diritti dei lavoratori conquistati con dure “lotte sindacali” .

È chiaro che il sistema attuale delle relazioni industriali italiane vive una tormentata e lunga transazione regressiva: lo ha dimostrato ampiamente l’atteggiamento del Governo Monti che (solo per citarne una) ha portato a compimento la riforma del sistema pensionistico ignorando quasi completamente le posizioni delle parti sociali, e lo confermano ancor di più le preoccupanti dichiarazioni del ministro del lavoro Poletti e la sfida lanciata del premier Renzi che annuncia la fine della stagione della concertazione con le parti sociali, reso possibile per il fatto che oggi come oggi il sindacato si è clonato e fagocitato all’interno del dna della politica diventando una palestra per futuri politici.

Tale situazione ha generato ed ingessato il sindacato trasformandolo in una semplice associazione fiscale a scapito dei lavoratori. Per questo quanto prima dobbiamo legiferare che coloro che svolgono attività sindacale non possono svolgere attività politica come avviene in Germania, almeno cosi’ pure da noi il sindacato potra’ sedersi nei tavoli di amministrazione e partecipare agli utili aziendali con il codice della partecipazione (proposta di legge Governo Berlusconi con Min.Sacconi).

L’attuale congiuntura economica impone di agire con rapidità nella realizzazione di cambiamenti significativi: a tale proposito è quanto mai opportuno che il Governo decida all’interno di una democrazia parlamentare, ma è altrettanto corretto dare un segnale di apertura alle parti sociali, i cui obiettivi sono ben lungi dall’osteggiare le misure di politica economica promosse/promesse.

Dall’abbassamento della tassazione del lavoro dipendente, restituendo il fiscal drag che i lavoratori avanzano dal “defunto Governo Prodi “ mentre Confindustria incassava il denaro derivante dal taglio del cuneo fiscale per essere rienvestito nella internazionalizzazione delle imprese che non era altro che una vera delocalizzazione e l’inizio del impoverimento del tessuto lavorativo italiano, alla scelta di aumentare la tassazione sulle rendite finanziarie quelle vere e non sui conti correnti dei risparmiatori /pensionati in quanto quei soldi messi da parte con sacrifici sono il frutto al netto delle tasse, perché continuare a tassarli, all’abbattimento dell’aliquota dell’Irap alle imprese, anche se risulta ancora poco chiaro il modo in cui verranno reperite le risorse economiche necessarie alla copertura di tali misure.

Sarebbe piu’ facile chiedere che essa sia investita per l’innovazione e formazione delle risorse umane nei stabilimenti italiani, forse avremmo un esito migliore.

Dispiace pure come il job acts stabilizzi maggiormente la flessibilità e precarieta’ con salari sempre piu’ bassi, nulla servono 80 euro che saranno polverizzati dalla tasi e iuc, ma il grande bluff sta su cosa toglie il governo, come la detrazione del coniuge a carico che colpirà le famiglie monoreddito e pensionati.

Probabilmente qualcosa non funziona più nel sindacato italiano che, a fronte di un leader che ha fatto della rottamazione una chiave vincente per l’ascesa, ha una velocità di marcia che risulta ormai lenta e inadatta ai tempi, per questo necessita quanto prima una rottamazione /rinnovamento che funga da catalizzatore per un cambiamento radicale

Bragatto Gianluca

[07/04/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”
spot

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...
Advertisements

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...