Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
17.1C
Venezia
sabato 27 Febbraio 2021
HomeAggressioneRialto, la banda di aggressori ha le ore contate

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate.
Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che sul ponte di Rialto e nella zona sono installate parecchie telecamere.
Riavvolgiamo il nastro: ieri sera a Venezia, domenica 21 febbraio 2021, è avvenuto un episodio di violenza a Rialto. Le vittime sono una giovane guida veneziana, Luca Fornasier, 25 anni, e un uomo sui cinquant’anni che è finito al pronto soccorso dell’ospedale Civile di Venezia.
Entrambi hanno sporto denuncia per l’accaduto.
La polizia locale e i carabinieri si sono messi subito sulle tracce degli aggressori, hanno indagato sulla vicenda e già oggi pomeriggio, 22 febbraio 2021, i risultati saranno resi noti

durante una conferenza stampa alla Smart Control Room del Tronchetto.
Fornasier ha racconta l’accaduto con un video su Facebook:
“Mi sono recato alla base del ponte di Rialto per fare dei virtual tour. Poco prima di collegarmi con gli utenti, verso le 18.45, ho incontrato dei ragazzi ubriachi che stavano urinando alla base del ponte di Rialto. Li ho richiamati dicendo: ragazzi, non fate queste cose”.
Dopo poco, racconta il giovane, è passata di lì una pattuglia di carabinieri che vedendo gli ubriachi usare il ponte di Rialto come vespasiano li ha richiamati all’ordine, ma i giovani non l’hanno presa bene. Collegando i rimproveri, hanno pensato che ad avvertire le forze dell’ordine fosse stata la guida, e così si sono scagliati sul 25enne.

“Loro hanno pensato che avessi chiamato io i carabinieri – spiega Fornasier – così improvvisamente mi hanno aggredito da dietro e mi hanno scaraventato per terra, il tutto mentre ero in diretta con il tour virtuale”.
La furia è arrivata alle spalle, mentre il giovane era in collegamento, in diretta, con i clienti per il tour virtuale a Rialto.

“I ragazzi hanno aspettato un minuto e mi hanno aggredito da dietro: mi hanno scaraventato per terra, il tutto mentre ero in diretta con dei clienti. Erano in tre e ho anche sbattuto la testa sul ponte. È intervenuto un signore per aiutarmi e li ha portati via, sopra il ponte”.

L’intervento provvidenziale avrebbe però scatenato la violenza del gruppetto.
“Pensavo che la situazione fosse sotto controllo – prosegue Fornasier – ma nel giro di 20 secondi ho visto con la coda dell’occhio il signore per terra con la bocca piena di sangue e un dito rotto. A quel punto ho stoppato il tour e abbiamo chiamato i carabinieri e i soccorsi”.

“Succede sempre – dice ancora la guida – Ogni sabato e domenica provo a fare il mio lavoro e trovo ubriaconi per strada senza nessun controllo, che mi molestano e mi danno fastidio. Questo episodio mi ha segnato a vita. Questi ragazzi non li conosco, so solo che vengono da Mira. Spero che le cose cambino. E’ turismo questo? Persone che vengono ad ubriacarsi il sabato e alla domenica e gettano le bottiglie in acqua. Vogliamo preservare la città e controllarla? Sono veramente allibito”.

L’episodio di violenza non è passato inosservato: sul ponte di Rialto infatti sono installate più telecamere e le forze dell’ordine chiariranno i dettagli oggi pomeriggio nel corso del punto stampa, alla presenza del comandante della polizia locale, Marco Agostini, e del capitano Giovanni Rubino, della compagnia carabinieri di Venezia.

Il video originale di Luca Fornasier

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Precipita nel vuoto per 40 metri. Morto Lorenzo Gatti, 29 anni

Precipita nel vuoto per circa 40 metri. Una caduta fatale per Lorenzo Gatti, l'alpinista di 29 anni morto nella tarda mattinata di oggi mentre...
spot

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.