29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

‘’Prova di memoria’’ dall’Orlando Furioso a Cinecittà: essere avvocato degli artisti

HomeLibri, recensioni e nuove uscite‘’Prova di memoria’’ dall’Orlando Furioso a Cinecittà: essere avvocato degli artisti

Giovanni Arnone, è lui l’avvocato in questione, ex direttore del Bioparco di Roma, ora in pensione e da sempre cultore dell’arte, del teatro e del cinema italiano, che ha deciso di riportare su carta le ‘’avventure’’ personali e nazionali dell’Italia, dagli anni ’40 ad oggi.

Nell’opera, l’autore racconta della sua infanzia trascorsa a Firenze, città natale, il rapporto contrastato con il padre e la madre allontanata da quest’ultimo, il periodo fascista e il primo incontro con il mondo del cinema: la zia Dorina (Doris Duranti) e la collega Vivi Gioi, il primo amore di Arnone. Dal trasferimento a Milano dopo la laurea in giurisprudenza, all’avvicinamento al teatro e a Dario Fo, fino al suo stabilirsi a Roma nella veste di ‘’avvocatino’’ della SAI (Società Attori Italiani), il sindacato degli artisti e la sua lenta caduta carrieristica, con l’avvento della televisione e della decadenza di Cinecittà.

Edito da Bulzoni Editore, il libro è una sorta di diario di ‘’memoria individuale e collettiva’’, così come piace definirlo ad Arnone, in cui attraverso ‘’un’ingarbugliata matassa di ricordi’’, l’autore e protagonista cerca di districarsi.

Egli si esprime alternando racconti di storia pubblica (dal fascismo all’avvento del Partito Comunista, fino all’entrata in campo di Berlusconi e dell’emittente televisiva privata) ad altri più personali, tra amori platonici, come quello per Franca Rame, a rapporti con fidanzate più giovani e segretarie ‘’vichinghe’’.

Aneddoti, questi ultimi, utili a rendere molto fluente la lettura, che appassiona per la capacità di far sognare il lettore, immerso nel periodo d’oro del teatro e del cinema italiano, ma anche nel mondo esclusivo e poco conosciuto del dietro le quinte teatrali, cinematografiche e politiche.

Dal contrastato rapporto con il rivoluzionario Dario Fo a quello con l’avanguardista Luca Ronconi; dalla bella vita a Fregene (anni ‘70) ai viaggi in America per conto di Rizzoli, tra scandali e cadute in picchiata, terminando con i rapporti intercorsi fra l’avvocato, Walter Veltroni e Francesco Rutelli.

Toccante invece e da sottolineare, l’ultimo paragrafo, che così come l’intero libro, è dedicato a Mariangela Melato, l’attrice morta nel 2012 e a cui Arnone era particolarmente affezionato.

Diario personale dell’autore, ‘’Prova di memoria” dall’Orlando Furioso a Cinecittà’’, al termine della lettura, effettivamente si trasforma in una sorta di diario ‘’di memoria collettiva’’, raggiungendo così lo scopo prefissatosi ‘’dall’avvocatino’’: capire come agire domani, facendo tesoro del ‘’nostro’’, straordinario e a tratti malinconico, passato.

Alice Bianco

[13/02/2014]

Riproduzione vietata

giovanni arnone prove di memoria

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

3 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Conosco benissimo il libro di Giovanni Arnone. L’ho letto e riletto e da questo libro ho tratto tutta la trasparenza, l’umilta e la “grandezza” di un uomo che pur avendo tanto sofferto nella sua vita è riuscito ad andare avanti a testa alta con un’enorme dignita’ e nello stesso tempo con gioia e ironia. Prendiamo esempio da lui nei nostri momenti bui.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.