29.8 C
Venezia
sabato 31 Luglio 2021

Piano Casa a Venezia: Comune contro Regione. “Fermate quella legge”. Orsoni scrive al governo

HomeNotizie Venezia e MestrePiano Casa a Venezia: Comune contro Regione. "Fermate quella legge". Orsoni scrive al governo

gru gallerie accademia tetti venezia

Un centro storico fatto solo da alberghi e terraferma stravolta da nuove edificazioni realizzate come finti ampliamenti della vecchia casa di famiglia.

Venezia e Orsoni si ribellano: dal 31 gennaio tutta la città potrebbe venire sconvolta da una cementificazione selvaggia.

«Il nostro Piano di assetto del territorio (Pat, ndr) viene stravolto — tuona l’assessore all’Urbanistica Andrea Ferrazzi — Nel Pat la città può crescere al massimo del 15 per cento, con il Piano casa si sfiora il 70. Si può addirittura arrivare ad un più 172 per cento del costruito», continua.

Il centro storico poi, già assediato da centinaia di hotel, affittacamere, bed and breakfast e appartamenti a uso turistico (sono oltre 2 mila le strutture ricettive “ufficiali” a Venezia), potrebbe trasformarsi in un’unica enorme «casa» per i turisti grazie alla possibilità di cambiare destinazione d’uso all’immobile con i cantieri del piano casa.

Orsoni e la giunta veneziana hanno approvato un atto per bloccare le scelte di palazzo Balbi: sette pagine in cui gli assessori danno mandato al sindaco «di agire in tutte le sedi ritenute più opportune per evidenziare le ragioni di illegittimità del terzo Piano casa».

«Chiederemo al consiglio dei ministri di impugnare la legge – spiega il sindaco Giorgio Orsoni -. Se non lo farà, useremo altri mezzi per arrivare alla Corte costituzionale».

Venezia contesta la possibilità di costruire nuovi edifici nell’arco di 200 metri dall’appezzamento dove c’è la prima casa ma soprattutto vuole bloccare il cambio di destinazione d’uso degli immobili. «Basta demolire un muro e si ottiene il cambio a ricettivo se ammesso nelle zone limitrofe», dice l’assessore.

Per Venezia sarebbe la morte definitiva della residenza a favore della monocultura turistica. «Se il piano casa devasta il territorio, diciamo di no – dice Orsoni -. L’economia non si rilancia senza tutela ambientale».

Paolo Pradolin

[11/01/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.