20 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Petardi e materiale esplosivo illegale per capodanno: sequestri nel veneziano

HomeCapodannoPetardi e materiale esplosivo illegale per capodanno: sequestri nel veneziano

Petardi e materiale esplosivo illegale per capodanno, la polizia ha sequestra 44 artifici pirotecnici nel veneziano.
Il 30 e il 31 dicembre scorsi, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Savona, in seguito ad indagini condotte dalla Questura di quella provincia, sono stati rinvenuti e sequestrati nel veneziano, complessivamente, 44 artifici pirotecnici (del tipo petardo e batteria per spettacoli pirici) per circa 2,5 kg di principio attivo, in seguito a controlli su quattro persone che li avevano acquistati on line.
I reati configurati sono quelli legati alla vendita e detenzione illegale/abusiva di materiale esplodente

ed in particolare quelli di cui all’art. 678 c.p. (fabbricazione o commercio abusivo di materie esplodenti), artt. 47 e 53 T.U.L.P.S.(vendita e trasporto di materiale esplodente senza autorizzazione prefettizia; trasporto e detenzione di materiale esplodente non classificato).
La vendita on line di detto materiale è vietata e colui che intende acquistarlo deve recarsi presso una rivendita autorizzata ed essere in possesso di licenza di porto d’armi e, nei casi di artifici di categorie superiori, anche dell’abilitazione di “fuochino”.
La finalità è stata quella di evitare, soprattutto in previsione del periodo delle festività,

che materiale pericoloso venisse maneggiato da persone prive della necessaria capacità e competenza tecnica, a tutela dell’incolumità propria ed altrui.
Le operazioni che si sono svolte nelle giornate del 30 e 31 dicembre sono state condotte da personale della Questura di Venezia e dei Commissariati coadiuvati dal Nucleo Artificieri e coordinati dalla Divisione di Polizia amministrativa.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.