20.8 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Grandi navi a Venezia, cosa prevede l’accordo

HomeNotizie Venezia e MestreGrandi navi a Venezia, cosa prevede l'accordo

Le Grandi Navi a Venezia avranno un altro tragitto. Per sostituire il percorso davanti al Canale della Giudecca e al Bacino di San Marco si procederà allo scavo del Canale Contorta Sant’Angelo (di collegamento dal Canale dei Petroli alla Stazione Marittima). Ora il progetto sarà sottoposto alla Valutazione di impatto ambientale.

In sostanza, questa la decisione più importante emersa ieri a Roma durante il Comitatone per Venezia, presieduto dal sottosegretario Graziano Delrio.
All’incontro hanno partecipato per il governo, i ministri dei Trasporti, Maurizio Lupi, dell’Ambiente, Gianluca Galletti, dei Beni Culturali, Dario Franceschini; per gli enti locali, tra gli altri, il presidente del Veneto Luca Zaia, l’Autorità portuale, Paolo Costa, il Commissario straordinario di Venezia, Vittorio Zappalorto (che non ha votato), e non è stata una seduta completamente serena.
Ad esempio quando c’è stato da stabilire che criterio e che decisioni usare fintanto che l’alternativa non sarà completata.
Le limitazioni di transito delle Grandi navi si possono considerare quelle del decreto Clini-Passera, a cui sarà aggiunta qualche integrazione per superare la contesa giudiziaria in corso, quella promossa dai operatori portuali che si erano appellati al Tar, ottenendo la sospensiva dell’ordinanza.

Momenti di tensione anche quando Dario Franceschini ha minacciato di porre sotto vincolo ambientale il Bacino di San Marco, in risposta a Paolo Costa, Autorità portuale di Venezia, che insisteva per «accordi volontari» con gli armatori.
Si arriva comunque a conclusione con la decisione dello scavo del canale di Contorta, ma soprattutto con le prescrizioni da attuare subito:

per l’anno 2014, è consentito un numero massimo di transiti di 2 navi da crociera al giorno con stazza lorda superiore a 40.000 tonnellate ed è consentito stazionare alla Stazione Marittima ad un numero massimo di 5 navi di stazza lorda oltre le 40.000 tonnellate.

Per il 2015, invece, vi sarà divieto tassativo di transito nel Canale della Giudecca e nel Bacino di San Marco di navi di stazza lorda superiore a 96.000 tonnellate.

Paolo Pradolin

[09/08/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.