Pendolari e treni, stazione di Mogliano al collasso

ultimo aggiornamento: 07/10/2014 ore 17:56

181

pendolari attesa treno ritardo

Ancora proteste per i treni. Pendolari infuriati ieri mattina alla stazione di Mogliano Veneto dove si sono verificati anche lievi malori.
Treni soppressi, vagoni pieni e orari non rispettati, la catena delle testimonianze attraverso web e social si allunga sempre di più.

I pendolari si lamentano di viaggiare “come bestie”, lavoratori e studenti che ogni giorno prendono il treno per raggiungere Mestre e Venezia, testimoniano la calca sui binari e imbottigliamento all’interno degli scompartimenti.

I ritardi o le soppressioni dell’ultimo momento sono un altro tema scottante (non nuovo, in realtà) e quando il treno arriva pensare di trovare un posto a sedere è un’utopia, ma si fa fatica persino a entrare.

I disagi cominciano la mattina presto: il regionale delle 7,36 alla stazione di Mogliano, spesso in ritardo, arriva già pieno. A Mogliano lo attendono centinaia di persone, anche per il ritardo dell’interregionale delle 7,25, ed è un vero e proprio assalto al convoglio.

Oltre ai lavoratori e agli studenti che arrivano tardi al lavoro o a scuola, che la situazione non esploda in qualcosa di grave è una specie di miracolo, dicono le testimonianze, e comunque una signora ieri è stata colta da malore e le cause non possono essere che quelle ambientali.

Paolo Pradolin

07/10/2014

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here