24.9 C
Venezia
sabato 19 Giugno 2021

Omicidio stradale, non passa la legge. Ma quali sono le priorità del governo?

HomeLettereOmicidio stradale, non passa la legge. Ma quali sono le priorità del governo?

La legge sull’omicidio stradale non passa, è vergognoso. Un governo che approva in tempi brevissimi (lodevole) quella che di fatto è la riformulazione di una legge già esistente quale è il licenziamento in tronco, dei cosiddetti furbetti del cartellino, ma che non riesce a garantire l’approvazione di una legge che punisca coloro che si rendono colpevoli di omicidio mettendosi alla guida di veicoli ubriachi o sotto effetto di droghe, UCCIDENDO INNOCENTI, è un governo non degno di rappresentare l’Italia.

Dopo l’approvazione con il voto segreto dell’emendamento sull’opportunità di non arrestare gli ubriachi al volante dopo un incidente stradale con feriti, l’ AIFVS si chiede il perché di questa perdita di tempo mentre sulle strade italiane si continua a morire e nella case dei familiari delle vittime si soffre.

La AIFVS che sin dal 2008 ha chiesto di inasprire le pene per i sinistri mortali e con lesioni e la revoca della patente, grida non vendetta ma giustizia, la legge sull’omicidio stradale è di massima urgenza, nel 2015 i sinistri mortali sono aumentati rispetto al calo graduale degli anni precedenti, e nelle aule dei Tribunali troppe sentenze con pene minime ed attenuate causano indignazione popolare.

AIFVS Venezia
Pierina Guerra
Lido di Venezia

22/01/2016

Data prima pubblicazione della notizia:

Una persona ha commentato

  1. La realtà è sotto gli occhi di tutti……basta tenerli aperti,l’alcool con i suoi sottostimati 30.000 morti all’anno,è la droga più pesante in assoluto,il fatto che sia “monopolio di stato”,mi fà incazzare quando parlano di cannabis come droga,medicina da sempre demonizzata dopo il proibizionismo sull’alcool in america,aslinger non sapeva che pesci pigliare…..e se la prese con un vegetale in evoluzione:la Canapa ! E ora .a un passo dalla distruzione finale non sanno se legalizzare o meno,ma un pò di sana VERGOGNA,di faccie di bronzo nè abbiamo fin troppe !

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor