7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Odore nell’aria a Malcontenta-Marghera: scuola con finestre blindate

HomeInquinamentoOdore nell'aria a Malcontenta-Marghera: scuola con finestre blindate
la notizia dopo la pubblicità

Forti odori di simil-gas hanno costretto i bambini della Elementare Fratelli Bandiera a chiudersi in classe senza mai aprire le finestre

Un odore acre inciampa sul respiro di chi vive intorno alla zona di Malcontenta e preoccupa soprattutto perché questi olezzi entrano anche dentro la Scuola Elementare Fratelli Bandiera in via Moranzani, un plesso che fa parte del Circolo Baseggio.
Le forti esalazioni di simil-gas hanno costretto i bambini a chiudersi in classe senza mai aprire le finestre, nonostante i medici raccomandino di aerare spesso l’aula, per prevenire il contagio da coronavirus, o Delta, qual lo si voglia chiamare.

Sgradevole la situazione vissuta dagli abitanti di Malcontenta e delle zone limitrofe al Petrolchimico diverse volte nel 2021 (ultima volta a ottobre) situazione che ha allarmato la Municipalità di Marghera, l’Arpav, il Comitato Tutela salute e Ambiente, che hanno sollecitato il Comune a fornire gli strumenti consoni a verificare il livello di rischio ambientale e sulla salute dei cittadini.

Non è certo la prima volta che quell’odore acre si espande sulla zona (Marghera paga il prezzo più alto in termini d’inquinamento ambientale dovuto a scelte decennali di politiche industriali prove della dovuta sicurezza sanitaria). Basti ricordare le recenti giornate, in ottobre, che hanno allarmato la cittadinanza. Il centralino dei vigili del fuoco in quelle ore è stato preso d’assalto, come comprensibile, da Marghera e da Mestre, la gente chiedeva consigli, voleva spiegazioni chiare.

Dario Giglio, consigliere del Pd in Municipalità spinge, con Enrico Pellegrino, presidente del Comitato a un’assunzione di responsabilità consapevole e il sopralluogo previsto a giorni con i tecnici Arpav, dovrebbe indicare quali siano le cause effettive di questo problema e come riparare. L’anno scorso l’Unione Europea ha avviato una procedura d’infrazione alla luce dell’emergenza che da troppi anni caratterizza la crisi ambientale a Marghera. E proprio nella zona di Malcontenta si è registrata la più alta concentrazione di benzopirene, agente particolarmente tossico, ma ciò che appare più allarmante è il livello di Pm 2,5 presente nell’aria. I valori registrati sforano i limiti fissati dalle regole europee in modo sistematico e continuo.

Marghera non ha dimenticato i quattro chilometri di alberi abbattuti a Fusina, non ha dimenticato la richiesta di intervenire con contromisure di mitigazione ambientale come la piantumazione immediata di un filare di alberi attorno al paese di Malcontenta, il lavaggio sistematico delle strade, come avviene in molti paesi europei, il monitoraggio degli inquinanti con sensori per il controllo degli odori in modo da individuare eventuali emissioni particolarmente nocive per la salute pubblica e un’indagine epidemiologica sulla popolazione, dato l’elevato rischio sanitario ambientale.

I precedenti rilievi non hanno chiarito le cause dell’inquinamento dell’aria e ora si provvederà all’uso di uno strumento, l’olfattometro, che dovrebbe permettere di individuare e localizzare la sorgente emissiva.

Il presidente della Municipalità di Marghera Teodoro Marolo, si affida alle strumentazioni più idonee a riconoscere cause ed effetti del problema, che puntuale è ritornato per togliere la pace agli abitanti di Marghera, già tanto provati, ma non rassegnati a subire che per il momento non possano far altro che tenere le finestre chiuse.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. un bell’articolo che denuncia ciò che sta accadendo da anni a marghera e che comporta un inquinamento in tutto il territorio limitrofo ma nessuno fa niente basti pensare al petrolchimico di taranto anche se la gente moriva nessuno se ne curava anni di lotte di morti…questo sarebbe il progresso ma parlano solo del covid ultimamente come se questo non fosse un problema da poco. Prima i profitti poi la salute. Ma possibile che nessuno intervenga cosa stanno a fare tutte le associazioni i partiti ecc????

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?