3.1 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

Nuova Legge Regionale ‘case popolari’, l’Ater Venezia precisa: ecco cosa prevede la riforma

HomecaseNuova Legge Regionale 'case popolari', l'Ater Venezia precisa: ecco cosa prevede la riforma
la notizia dopo la pubblicità

Nuova Legge Regionale 'case popolari', l'Ater Venezia precisa: ecco cosa prevede la riforma

L’Ater Venezia ha indetto una conferenza stampa oggi per fornire dati certi sulla nuova legge regionale che ridefinisce i criteri di accesso per le case pubbliche.

 

Cosa prevede la riforma.

Ecco quanto previsto dalla riforma in 10 punti essenziali:

1) tiene conto dell’ISEE per accedere all’alloggio e per il calcolo del canone
Definisce con il tetto dell’ISEE-ERP di 20.000 euro la soglia per poter avere accesso ad un alloggio erp.
La stessa soglia è stata fissata per la permanenza.
Il canone è definito tenendo conto della situazione economica della famiglia secondo l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), così come già avviene per altre erogazioni e benefici di natura sociale.

2) uniforma le procedure
Fornisce a tutti gli enti gestori una piattaforma informatica ed unico metodo di calcolo del canone.
Permette di controllare e gestire la morosità.

3) premia, nell’accesso chi ha residenza in Veneto da 5 anni anche non consecutivi
Ha attenzione per chi ha la residenza anagrafica nel Veneto da almeno cinque anni, anche non consecutivi (calcolati negli ultimi dieci anni) e che valorizza nell’accedere alle graduatorie, maggiormente, chi vi risiede:
da 30 a 10 anni,
oltre i 30 anni.

4) determina una nuova durata del contratto: 5 anni + 5 anni
Stabilisce la durata del contratto a 5 anni, ai quali sommare ulteriori 5 anni dopo verifica del permanere dei requisiti.

5) responsabilizza gli inquilini e pone sanzioni a chi danneggia il patrimonio pubblico o ne fa un uso non corretto (sub locazione, lavori abusivi ecc)
Porta attenzione all’utilizzo corretto degli immobili e responsabilizza gli inquilini (decoro).

6) fissa regole chiare per l’ospitalità temporanea
Disciplina l’ospitalità temporanea autorizzata e la coabitazione.

7) disciplina l’utilizzo dell’alloggio ed elimina le distorsioni che permettevano il “passaggio” di padre in figlio degli alloggi come se si trattasse di un bene proprio.
Disciplina l’utilizzo dell’alloggio, da parte dei componenti del nucleo familiare, da parte di chi fin dall’assegnazione abbia convissuto continuativamente con l’assegnatario fino al momento del decesso o abbandono (da dimostrare con certificato anagrafico).

8) prevede che i gestori si dotino del piano per la mobilità obbligatoria o volontaria.
Permette la gestione del patrimonio in modo da poter intervenire sugli immobili in caso di manutenzione, alienazione del patrimonio, assegnazione dell’alloggio della dimensione più corretta in rapporto al numero dei componenti il nucleo familiare.
Stabilisce che nel caso di mobilità obbligatoria l’ente proprietario o delegato può concorrere alle spese di trasloco.

9) stabilisce procedure per il rilascio degli alloggi occupati senza titolo.
Definisce le procedure, l’applicazione dell’indennità di occupazione e le sanzioni per gli occupanti senza titolo di alloggi pubblici.

10) Tutela i nuclei familiari fragili e le famiglie nascenti.
Pone attenzione ai giovani, ai nuclei familiari di nuova formazione, alle famiglie monoparentali (genitore solo con figli a carico).

 

L’Ater Venezia, infine, ha fornito tutti i dati in suo possesso per fare chiarezza sui numeri in circolazione.

Gli inquilini “assegnatari” dei 7.565 alloggi Erp (Edilizia residenziale pubblica) che hanno avuto un aumento del canone d’affitto sono 6.170, mentre quelli che hanno avuto una diminuzione del canone sono 1.395.

Dei 7.565 assegnatari, 5.578 hanno un Isee inferiore ai 20mila euro, e di questi, 4.378 hanno visto un aumento del canone d’affitto e 1.200 una diminuzione. 

Il 56% delle posizioni ha una situazione patrimoniale (mobiliare e immobiliare) inferiore ai 5mila euro.

Per chi non supera i 20mila euro di Isee, il canone medio di affitto nelle case Ater di Venezia è di 129 euro.

Sempre per chi resta all’interno dei 20mila euro dell’Isee, il range di aumento è di circa 50 euro al mese. Per coloro che invece hanno avuto una diminuzione, il calo medio è di circa 100 euro al mese.

Ad oggi sono 1.282 le persone che hanno un Isee superiore ai limiti imposti dalla legge regionale. E 643 assegnatari hanno un Isee superiore ai 26mila euro.

Nel totale ci sono 1.400 posizioni da verificare: assegnatari che non hanno compilato correttamente la modulistica, come la dichiarazione sostitutiva (articolo n.5 legge regionale n.39 del 2017), o presentano delle anomalie da verificare, per cui il possesso dei requisiti per rimanere nell’alloggio pubblico resta da definire.

Tra questi risultavano, a luglio, 705 posizioni per cui è stato calcolato un canone maggiorato, per mancata presentazione o problemi nell’acquisizione dell’Isee.

Oggi, per 458 assegnatari dei 705 (il 65%) è già stato acquisito l’Isee ed è in elaborazione il ricalcolo del canone. Questo grazie all’attività degli uffici dell’Ater di Venezia che hanno lavorato a pieno ritmo nei mesi estivi, compresa la settimana di ferragosto, per dare risposta all’utenza.

Secondo quanto prevede la legge regionale, gli inquilini che superano i 20mila euro di Isee hanno due anni di tempo per rientrare nei requisiti richiesti, oppure cercare un nuovo alloggio.

La riforma normativa è sostenuta da ragioni di equità sociale e per tale motivo la Regione si sta adoperando, tramite il supporto dei Nuclei Tecnici di Analisi, per apportare gli opportuni correttivi al fine di tutelare le situazioni di fragilità sociale o di criticità emerse a seguito dell’applicazione della legge. L’Ater di Venezia è a disposizione degli assegnatari, dei Comuni e dei Sindacati per fornire qualsiasi chiarimento.

L’Ater di Venezia si era attivata presso la Regione del Veneto per l’istituzione di un tavolo tecnico che prenda in considerazione le criticità della situazione veneziana, dal costo della vita alla carenza di affitti nel mercato privato (la maggior parte sono destinati alle affittanze turistiche).

Il tavolo tecnico, a cui l’Ater partecipa, è stato convocato per la prima volta il 17 luglio scorso in Regione ed è composto da esperti per le valutazioni sociali e socio-ambientali della situazione veneziana.

L’Ater di Venezia partecipa anche al Nucleo Tecnico Territoriale di analisi della Regione Veneto, convocato il 6 agosto scorso (sono sette nuclei, per tutte le Ater del Veneto) per valutare i singoli casi che presentano criticità a fronte dell’applicazione della norma: persone anziane sole o con disabilità, famiglie in difficoltà. Posizioni che presentano difficoltà e per cui, entro il 30 settembre, saranno proposti eventuali aggiustamenti nelle norme per non creare situazioni di sperequazione o ingiustizia.

Nel calcolo del canone non si prende in considerazione solo la situazione Isee dell’intestatario del contratto di locazione, ma dell’intero nucleo familiare. Se gli assegnatari dell’Ater di Venezia sono 7.565, gli inquilini sono circa 20mila.

 

NUOVI CONTRATTI CON LA NUOVA NORMATIVA
Negli ultimi mesi, da quando è attiva la nuova legge regionale, ci sono stati 76 nuovi contratti di locazione calcolati con i nuovi parametri. Di questi, 48 sono nuove assegnazioni di alloggi Ater, sulla base delle graduatorie dei bandi pubblicati dai Comuni, il resto sono mobilità e cambi consensuali di alloggi.

LE DIMINUZIONI:
Sono 1.395 gli inquilini assegnatari di alloggi Ater che hanno avuto una diminuzione del canone.
Di questi, 951 si sono visti diminuire l’affitto, rispetto ai canoni precedenti, di una quota che va da 1 a 720 euro all’anno. (rispetto al periodo precedente all’applicazione della legge regionale, questi utenti vanno a pagare meno, mensilmente, da pochi centesimi fino ad un massimo di 60 euro).

273 assegnatari si sono visti diminuire l’affitto di una quota annuale che va da 720 euro a 1440 euro. (rispetto a prima c’è una diminuzione mensile che va da 60 euro a 120 euro).

132 assegnatari si sono visti diminuire l’affitto di una quota annuale che va da 1.440 euro a 2.880 euro (rispetto a prima c’è una diminuzione mensile che va da 120 euro a 240 euro)

36 assegnatari si sono visti diminuire l’affitto di una quota annuale che va da 2.880 euro a 6.000 euro (rispetto a prima c’è uno sconto mensile che va da 240 euro a 500 euro).

3 assegnatari si sono visti diminuire l’affitto di una quota annuale che va oltre i 6000 euro.

L’affitto minimo del canone mensile è fissato a 40 euro al mese.

 

GLI AUMENTI:

Dei 6.170 inquilini assegnatari che hanno visto alzare l’affitto in base alla propria situazione reddituale e patrimoniale, oltre la metà ha visto un innalzamento che va da pochi centesimi, passando per 20 o 40 euro, fino ad un aumento massimo di 60 euro al mese. All’interno di queste 6.170 posizioni che hanno visto l’aumento, vi sono però le 705 con anomalie da verificare per le quali 458 stanno già vedendo l’elaborazione del ricalcolo del canone.

 

MOROSITA’ E OCCUPAZIONI

La morosità totale dell’Ater di Venezia è pari a 6.439.108,05, ma il grosso si trascina da situazioni pregresse.

La morosità dell’esercizio 2018 è pari a 1.062.151,57 e al 31 maggio 2019 è stata recuperata per 245.332,11 euro, recuperando così un 0,60% nella percentuale della morosità. Questa percentuale, dall’8,08% del 2018, è diminuita a 7,36% nel 2019 grazie al piano di rientro della morosità messo in atto dall’Azienda territoriale di edilizia residenziale pubblica veneziana.

A pesare sulla morosità sono le occupazioni abusive.

L’Ater di Venezia, oltre ad avere il maggior numero di alloggi nel Veneto (10.735) ha anche il numero più grande di occupazioni senza titolo, tra coloro che sono entrati con effrazione e chi negli anni ha perso il diritto di rimanere nell’alloggio pubblico.

Basta pensare che nel 2017 il Servizio Legale Ispettivo dell’Ater di Venezia ha elaborato 2.223 pratiche di morosità e nel 2018 sono state 2.477. Nonostante le lettere inviate a tutti questi inquilini “morosi” per cui poi si procede con decreto ingiuntivo, i recuperi dei crediti, considerati i patrimoni esigui, sono prolungati nel tempo.

Se si considera che nel 56% delle posizioni regolari degli inquilini dell’Ater, coloro che pagano l’affitto, c’è una situazione patrimoniale (mobiliare e immobiliare) inferiore ai 5mila euro, nello scenario delle morosità il dato si abbassa ulteriormente.

Nel corso del 2018 il Servizio Legale ha svolto 555 accessi per eseguire gli sfratti (la media di accessi per l’esecuzione di uno sfratto è di 3/4 accessi).

 

OCCUPAZIONI SENZA TITOLO

Alcuni dati aggiornati sulle occupazioni:
Le occupazioni senza titolo in tutta la Città Metropolitana di Venezia sono 221: 26 sono in provincia di Venezia, delle quali 7 con denuncia a seguito di effrazione e 19 ex ospiti (coloro che negli anni hanno perso il diritto di rimanere nell’alloggio ma continuano a rimanervi).

La maggior parte delle occupazioni si trovano nel Comune di Venezia, 195. Di queste ultime, 113 con denuncia a seguito di effrazione: 73 nel centro storico e isole, 40 nella terraferma. Gli ex ospiti invece sono 84.

Le denunce depositate dal servizio legale da gennaio a giugno, per nuove effrazioni, sono 13.

E’ stato possibile ottenere, da gennaio a giugno, un sequestro preventivo dell’alloggio a fronte di occupazione grazie alla collaborazione attivata con Prefettura e Questura.

“Vogliamo tranquillizzare gli inquilini in merito al fatto che la Regione Veneto sta lavorando per tutelare le fasce deboli: sono infatti in corso i Nuclei Tecnici Territoriali di analisi per acquisire le criticità e analizzare le varie casistiche per tutte le Ater del Veneto. Abbiamo chiesto alla Regione che venga presa in considerazione la specificità del contesto veneziano, per cui è in corso un altro tavolo tecnico. L’obiettivo della legge è garantire un alloggio a condizioni di favore a chi ne ha bisogno, accompagnando gli inquilini con maggiori possibilità economiche a rivolgersi al libero mercato delle locazioni. Va però sottolineato che la normativa regionale non ha solo aumentato i canoni delle case pubbliche, li ha anche abbassati, andando incontro a circa 1400 nuclei familiari. Ha introdotto il criterio della temporaneità della casa popolare e inserito lo strumento dell’Isee che permette di avere una fotografia reale sulla situazione economica dell’inquilino. A Venezia abbiamo insediato un gruppo di lavoro per velocizzare le procedure delle volture, per gli inquilini che chiedono delle modifiche al contratto d’affitto a fronte di variazioni nel nucleo familiare, vogliamo infatti fornire il massino supporto all’utenza, anche attraverso gli appuntamenti con gli uffici, a disposizione per fornire qualsiasi chiarimento. Stiamo inoltre lavorando per acquisire tutti gli Isee: invitiamo gli inquilini che ancora non l’hanno presentato a recarsi agli uffici dell’Ater perché rischiano di perdere il diritto a rimanere nell’alloggio”
, ha spiegato questa mattina il presidente dell’Ater di Venezia Raffaele Speranzon.

(Nella foto: da sx, la responsabile dell’Ufficio legale dell’Ater, Silvia Barendi, Il presidente dell’ater di Venezia, Raffaele Speranzon, il direttore dell’Ater di Venezia, Roberta Carrer).

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

4 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Buon giorno, sono un occupante senza titolo per decadimento dell’ospitalità autorizzata dal comune causa morte dell’intestatario del contratto. Sono veneziano di nascita e residenza ma, rientrato dopo una permanenza di 17 anni dal Brasile, ho una figlia di sei anni e una compagna, entrambi attualmente senza lavoro, cosa possiamo fare per non ritrovarci sulla strada in questo periodo così difficile?
    [email protected]

  2. Dove devo rivolgermi x avere chiarimenti .visto che avendo 75 anni con isee inferiore ai 20.000 e nessun accantonamento mi sono rivolta all’ater di Venezia che mi hanno detto che c’è una anomalia.e deve pensarci la regione Veneto x i casi come il mio che si sono visti raddoppiare il canone..Può qualcuno darmi una risposta?

    • Buongiorno Paola, sappiamo per certo che stanno per arrivare le risultanze dei tavoli tecnici istituiti per eventuali modifiche alla nuova legge. Il nostro consiglio è di attendere questi sviluppi e poi rivolgersi nuovamente all’Ater per una consulenza definitiva. Segua questo giornale perchè daremo notizia immediatamente di qualsiasi novità. Cordialità. Mattia

  3. Ma scusate dail imponibile dei 20000 euro ci vogliamo togliere il 30% di tasse prima di parlare o vogliamo solo fare pagliacciate?

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Anche la banca diventa bar: 50 ora i locali a Santa Margherita. Di Andreina Corso

Il problema Movida e i suoi affluenti, vien da dire ridendo amaro. Abbiamo ricevuto una bella lettera, lungimirante da Eric, cittadino canadese, che riportiamo qui sotto, per chi non l’avesse ancora letta. “Sono canadese e sono andato due volte in Venezia. Mi...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Santa Margherita (Venezia) e degrado: i residenti reagiscono

Degrado notturno in Campo santa Margherita: i residenti reagiscono. La pandemia l’aveva rimossa quella sgradevolezza di sapere e vedere un campo vivo, abitato dai residenti, amato per la sua solarità conviviale, trasformarsi nella notte in un deposito di rifiuti, di bottiglie e...

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani

Venezia ospita fra i 23 e i 25 milioni di visitatori all’anno. A questi vanno sommati i "gitanti giornalieri" (con treno e auto) e poi i circa 3 milioni l'anno di cosiddetti «falsi escursionisti» (chi pur visitando la città pernotta...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...