‘Nome in Codice’ miglior gioco dell’anno: di sicuro impatto e divertente

0
292
massimo tonizzo columnist circle

'Nome in Codice' miglior gioco dell'anno: di sicuro impatto e divertente

Il premio per il miglior gioco dell’anno al mondo (lo Spiel des Jahres) raramente – come è ovvio che sia – delude le aspetative, anche nel caso in cui stranamente i tedeschi decidano di non premiare la tipologia del “German game”, il giocone da lasciare sul tavolo per mezza giornata, ma si concentrino su un prodotto forse più leggerino, ma di sicuro impatto e divertente.

E, per nostra fortuna, già disponibile in Italia da alcuni mesi.

Nome in Codice è un semplice ma affascinante gioco di deduzione ed investigazione in cui dovrete riuscire, grazie agli indizi che vi darà il vostro caposquadra, a rintracciare tutte le spie della squadra, in un mix tra cooperazione, diffidenza e gioco “al massacro”, Dal punto di vista della tipologia di gioco, dunque, si tratta di rimandi a prodotti e regolamenti già noti (il bluff

Giochi, di Massimo Tonizzo

sull’identità che è alla base – tanto per citare un esempio recente – di Gli insoliti sospetti) con, però, una decisa “marcia in più” che migliaia di acquirenti, e di conseguneza la giuria dello Spiel, non potevano ignorare.

Le regole base si spiegano in un paio di minuti: i giocatori vengono divisi in due suqadre, all’interno delle quali verrà eletto un caposquadra, chiamato Spymaster.
Vengono poi posizionate al centro del tavolo una serie di carte con una parola, che rappresenta il nome in codice di un agente, nome che solo gli Spymaster dei due team conoscono. A turno, gli Spymaster dovranno dire una parola che in qualche modo abbia a che fare con uno o più dei nomi in codice degli agenti del proprio colore.

I componenti della propria squadra dovranno capire ed indicare le parole sul tavolo a cui lo Spymaster fa riferimento per individuare gli agenti della propria squadra. Se le parole indicate sono corrette, 'Nome in Codice' miglior gioco dell'anno: di sicuro impatto e divertentela squadra prosegue l’investigazione, se invece viene indicata una parola che fa riferimento ad un agente della squadra avversaria, il turno passerà agli avversari.

Attenzione però: tra i sospettati di tradimento si nasconde anche un assassino, e se una delle due squadre lo indicherà, sarà partita persa immediatamente.

Il gioco, nella sua semplicità, promette durata praticamente eterna, data la totale e assoluta varietà delle parole che potrebbero essere giocate, ma proprio per questo ogni partita sarà discorso a se stante, con variabili che potranno risultare a volte divertenti, a volte inquietanti, a volte surreali.

Consigliato – ovviamente – nel numero massimo di partecipanti, ed adatto a mio parere anche a meno dell’età consigliata, soprattutto come veicolo per far andare libera la fantasia.

Nome in codice (code name) di Vlaada Chvátil, Cranio Creations,
Gioco di deduzione per 2-8 giocatori dai 14 anni in su.
Difficoltà medio-bassa, durata di una partita 15 minuti circa.
Prezzo 21,90 euro.

 

massimo tonizzo esperto giochi

 

Massimo Tonizzo

17/09/2016

Riproduzione vietata

 

 

 


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here