15.2 C
Venezia
mercoledì 22 Settembre 2021

No Vax indagati: nel veneziano una donna in passato vicina agli indipendentisti

Homeno vaxNo Vax indagati: nel veneziano una donna in passato vicina agli indipendentisti

No Vax indagati nell’operazione di oggi: si tratta di un gruppo, che a Venezia comprende una donna, di 50enni senza precedenti.
Il gruppo di No Vax indagati oggi nel corso di un’operazione della Polizia di Stato è composto da persone quasi tutte 50enni.
I componenti si proclamavano fieramente non vaccinati.
Nessuno aveva precedenti di rilievo e nessuno si era fatto notare finora per qualche intemperanza in precedenti manifestazioni di protesta.

Questo il profilo fornito della Digos degli otto coinvolti.
Si tratta di 5 uomini e 3 donne, 7 dei quali tra i 43 e i 56 anni, e uno di 33 anni.
Due di questi sono residenti in provincia di Milano, due in quella di Roma, 1 in quella di Bergamo (di 33 anni), 1 in quella di Reggio Emilia, 1 in quella di Venezia e 1 in quella di Padova.
I principali amministratori del Gruppo Telegram erano un milanese di 46 anni, e una donna romana di 43.

Quello di Bergamo, in particolare, aveva due fucili e una pistola regolarmente denunciati, con un permesso di detenzione per uso sportivo (ma con un numero di munizioni superiore al consentito, per cui è stato denunciato).
A casa di quello di Reggio Emilia, invece, sono stati sequestrati una spada Katana, un manganello e degli spray al peperoncino.
Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati anche anche due tirapugni.
L’unica ad avere una sorta di ideologia politica identificativa, per così dire, era la donna di Venezia.
E’ lei che, nel passato, era stata vicina ad ambienti indipendentisti dei ‘Serenissimi’.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor