domenica 23 Gennaio 2022
4.9 C
Venezia

No vax cambia idea e chiede l’ossigeno ma è troppo tardi, morto ex infermiere

HomeLa StoriaNo vax cambia idea e chiede l'ossigeno ma è troppo tardi, morto ex infermiere

No vax cambia idea e chiede quel trattamento che i medici volevano fare ore prima ma che lui aveva rifiutato, ma purtroppo ormai era tardi. L’amara vicenda vede un altro decesso che nessuno potrà mai dire se evitabile, ma che in qualche modo è stato forse agevolato. P.P., infermiere da un paio d’anni in pensione dall’ospedale Cà Foncello di Treviso, in un primo momento aveva detto “no” ai medici sull’intubazione che gli è stata proposta quando le sue condizioni respiratorie stavano diventando critiche.

P.P., di 67 anni, era contro il vaccino. Contratto il Covid, dopo alcuni giorni a casa nei quali le sue condizioni andavano via via peggiorando, è stato necessario il ricovero. Subito il primo rifiuto: niente trasferimento in Terapia intensiva, niente intubazione, cose che invece secondo i medici erano diventate presto opportune e urgenti. Quegli stessi medici che lavoravano con lui fino a qualche mese prima hanno provato a convincerlo fino all’ultimo.

La scoperta del Covid venerdì scorso. Il 31/12 è arrivata la conferma del virus preso senz’altro durante le feste di Natale. E mentre la Ulss conferma il fatto con uno scarno comunicato: “Il paziente aveva rifiutato le cure e non voleva essere intubato e i medici non hanno potuto che rispettare la sua volontà. Anche quando ha cambiato idea e ha chiesto di essere intubato. Ma ormai, purtroppo, era troppo tardi ed è deceduto poco dopo”, sulla pagina Facebook dell’ex infermiere rimangono impressi gli strali contro il “siero sperimentale”, contro la “dittatura sanitaria”, contro le “reazioni avverse” che vengono tenute nascoste.

Domani pomeriggio, mercoledì, presso la Camera ardente dell’ospedale Ca’ Foncello, l’ultimo saluto. Non fiori ma eventualmente opere di bene in favore dell’Associazione Corvelva, il Coordinamento Regionale Veneto per la Libertà sulle Vaccinazioni.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Regione
Notizie dalla Regione. Per contattare la redazione scrivere a: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera. Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano. Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

La Venezia Scomparsa: Molin e il Ponte dei Giocattoli. I ricordi, la chiusura: incontro con Federico, l’ultimo gestore, 12 anni dopo

Il negozio Molin, conosciuto da tutti i veneziani tanto da aver ribattezzato “il Ponte dei Giocattoli”, non rappresentava per me un semplice, piacevole prolungamento del percorso mattutino, ma un vero e proprio luogo dei sogni a due soli passi da casa. La...

“Se John Malkovich non può entrare in albergo senza Pass, com’è entrato in Italia?”. Lettere

Buongiorno ho letto la notizia, oramai su tutti i quotidiani, in merito al blocco dell'ospitalità a Malkovich perché sprovvisto di green pass; ineccepibile e coraggioso comportamento della direzione ma mi chiedo come è entrato in Italia?? Sicuramente con un aereo...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...