Neo dottori in Piazza San Marco. I saluti di Enrico Mentana

ultimo aggiornamento: 16/11/2018 ore 18:15

134

Neo dottori in Piazza San Marco. I saluti di Enrico Mentana

La presidente della Commissione cultura Pea alla festa delle Lauree in piazza San Marco. Enrico Mentana tra gli ospiti.

Tocchi al cielo per 1.097 nuovi dottori e dottoresse dell’Università di Ca’ Foscari di Venezia che questo pomeriggio nella cornice di Piazza San Marco hanno festeggiato il giorno della laurea.

Alla cerimonia, giunta alla 23.edizione, sono intervenuti oltre al rettore di Ca’ Foscari Michele Bugliesi, la presidente della Commissione Cultura, Giorgia Pea, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale e il direttore del Tg LA7, Enrico Mentana, ospite d’onore di questa sessione.

Nel ricordare Valeria Solesin, la giovane studentessa veneziana “a cui l’odio terrorista tolse la vita tre anni fa e a cui proprio in piazza San Marco venne dato l’ultimo saluto”, la presidente Pea ha voluto esprimere a tutti i ragazzi e alle loro famiglie, a nome del sindaco di Venezia e dell’Amministrazione comunale, le congratulazioni per il traguardo raggiunto. “Il nostro più sincero ringraziamento per aver scelto Venezia, per averla vissuta e riempita di quell’energia che la giovinezza sa portare. Ora girate il mondo, fate tutti i master e gli stage che volete, avviate le sturtup 8.0 e magari inventate anche il teletrasporto, ma prima o poi tornate qui e mettete su casa. Tornate a Venezia, perché la nostra città è unica e il bagaglio di esperienza e di resilienza che avete acquisito in questo pezzo di vita vi tornerà utile più di quanto immaginiate ora.

Sono certa che la conoscenza, le competenze e il senso di comunità che vi hanno trasmesso la nostra città e il mondo universitario vi diano quella forza che derivano dal sentirsi parte di un tutto e di costruire un futuro tutto vostro. Ecco perché chiunque è benvenuto nella nostra città e questo è il senso del nostro impegno verso la cittadinanza e i visitatori”.

La presidente Pea ha voluto infine ringraziare coloro che in qualsiasi ambito si battono per la salvaguardia di Venezia e della sua laguna, per la conservazione e valorizzazione del suo patrimonio artistico, del suo ambiente e del suo paesaggio e per la difesa dei diritti umani. “Ma soprattutto – ha detto infine – grazie a quanti come voi la scelgono per motivi di studio, di lavoro o semplicemente perché la amano, rendendo così Venezia una città viva, vera – per quanto magica – anziché una cartolina”.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here