29.3 C
Venezia
lunedì 26 Luglio 2021

Movida a Venezia, incontro tra residenti e Commissario

HomeNotizie Venezia e MestreMovida a Venezia, incontro tra residenti e Commissario

santa margherita notte venezia light

Movida a Venezia, nuovo atto. Dopo la recente sentenza del Consiglio di Stato che ha tolto le briglie a musica, spettacoli, orari e tavolini nei bar, “dando torto” al Comune di Venezia che cercava una regolamentazione con restrizioni, ieri i comitati cittadini si sono presentati davanti al sub commissario Sergio Pomponio.

L’oggetto dell’incontro avrebbe dovuto essere l’esposizione delle preoccupazioni dei residenti in vista del prossimo carnevale, ma si è finiti per concentrare l’attenzione sulla recente sentenza del Consiglio di Stato.
I rappresentanti dei cinque comitati cittadini (via Garibaldi, Sant’ Angelo, Santa Margherita, San Giacomo dall’Orio e Rialto) hanno raccomandato al sub commissario Sergio Pomponio di riprendere in mano quelle norme che non sono state bocciate, ma che sono state rigettate perchè ad esprimersi avrebbe dovuto essere il Consiglio di Cà Farsetti e non la Giunta comunale, come invece avvenuto.

L’orientamento del Comune, però, andrebbe verso l’apertura di un dialogo tra esercenti e residenti alla ricerca di un’intesa. Strada già percorsa inutilmente visti gli interessi contrapposti, dicono gli interessati.
Santa Margherita viene citata sempre come esempio, dove la musica è alta fino a tardi, gli avventori userebbero le calli per i loro bisogni, schiamazzando fino a notte inoltrata, e dove il consumo di alcol si sommerebbe a quello della droga.

Paolo Pradolin

19/11/2014

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.