27.3 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Motoscafi con il motore taroccato a Venezia per farli più potenti, cosi’ riuscivano a fare evoluzioni anche a pieno carico

HomeNotizie Venezia e MestreMotoscafi con il motore taroccato a Venezia per farli più potenti, cosi' riuscivano a fare evoluzioni anche a pieno carico

taxi manovre spericolate in laguna di venezia 1

Motoscafi con il motore taroccato a Venezia per farli più potenti. E’ questa la scoperta della Capitaneria di Porto che sta portando alla luce un’abitudine pericolosa e, non ultimo, fuori legge.

A Venezia la diffusione della pratica illegale del potenziamento oltre il limite dei motori marini dei motoscafi usati per il servizio taxi in città era diventata una specie di consuetudine, a quanto pare.

Secondo alcune fonti, sarebbero già state poste sotto sequestro una trentina di imbarcazioni, risultate, al controllo, con motori modificati. Il motore più potente sarebbe servito per assicurare più ‘spinta’ alla barca, quindi per andare più veloci del consentito in modo da fare più corse.

L’accorgimento tecnico svelato appare piuttosto semplice: con i propulsori ormai a gestione elettronica si possono guadagnare cavalli in più con la banale variazione di una centralina.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Venezia, sono tuttora in corso e per ora dai vertici della Capitaneria di Porto non sono stati forniti dati o particolari.

La trasformazione dei motori, per consentire una potenza superiore, è una pratica vietata perchè i motoscafi che svolgono trasporto pubblico non di linea – circa 250 quelli con licenza,
si stima altri 200 quelli abusivi – devono rispettare il limite di 150 cavalli.

A far sospettare che diversi taxi acquei non rispettassero i limiti di potenza erano state operazioni come quella del gennaio scorso condotta da Capitaneria e Polizia municipale, quando
erano stati scoperti e denunciati 12 piloti di barche sorprese a sfrecciare a tutta manetta nel Canale della Giudecca, anche se appesantite per il pieno carico di turisti e nonostante ciò capaci di evoluzioni ‘offshore’.

Giorgia Pradolin

[27/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.