25.6 C
Venezia
mercoledì 04 Agosto 2021

Mostro di Firenze, nuova pista: lanciato un appello

HomeOmicidi e assassiniMostro di Firenze, nuova pista: lanciato un appello

Mostro di Firenze: una nuova pista arriva dagli Usa. Occorre cercare un maniaco dei coltelli o delle armi da taglio, secondo la nuova teoria.
Il Mostro che ammazzava le coppiette che si appartavano sarebbe un ‘piquerista’, un maniaco del coltello.
E’ ‘lui’ l’omicida delle coppiette secondo lo scrittore newyorchese Mike Rodelli, che ha acquisito notorietà Oltreoceano per aver individuato in un imprenditore di origine norvegese, che viveva in California, il serial killer Zodiac, tesi contrastata però dall’Fbi.
Ora Rodelli mette la sua attenzione sul Mostro e lancia un appello: “Incoraggerei le persone della zona di Firenze – dice – a ripensare alla loro infanzia e a cercare di ricordare una persona poco socievole che potrebbe aver usato spilli sugli altri o addirittura amare gli attrezzi da taglio più di quanto si potrebbe normalmente aspettarsi

da qualcuno”.
Inoltre, spiega, “poiché era un killer molto organizzato e bravo a diventare invisibile alle autorità, potremmo essere in grado di sfruttare cose che potrebbe aver fatto nella sua giovinezza per imparare chi era e usare la profilazione per prevedere quali errori potrebbe aver commesso nel corso degli anni durante il suo percorso evolutivo”.
Per lo scrittore Usa “il Mostro è, ovviamente, noto per i suoi crimini successivi, del 1981-85, quando commise le mutilazioni delle vittime femminili”, “ma è il delitto del 1974 di Borgo San Lorenzo quello che credo ci dica di più di lui” sotto questa forma maniacale legata all’uso di lame.
“Entrambe le vittime, Pasquale Gentilcore e Stefania Pettini, sono state inizialmente uccise mentre sedevano in auto, poi la donna è stata pugnalata per una cifra astronomica di volte”, “ben 97 volte”, dice Rodelli che propone un parallelo col primo delitto di Jack lo Squartatore che colpì la vittima “quasi quaranta volte”, anche qui “molto più di quanto uno avrebbe bisogno per uccidere”.
Nel delitto del Mostro del 1974, prosegue Rodelli, “solo alcune coltellate sono state considerate fatali” mentre invece “la maggior parte sono state descritte come ‘punture’ nel suo corpo. Ecco,

per chiunque sia esposto alla creazione di profili, questo è un caso da manuale di piquerismo”.
“Il piquerismo è una parafilia in base alla quale il maniaco trae piacere sessuale dal pugnalare, penetrare, affettare o tagliuzzare la carne” con lame quindi “il ‘pungere’ il corpo di una persona più di 90 volte è come se dicesse di essere un piquerist”.
Rodelli in passato per le sue inchieste sui serial killer, ha collaborato con esperti profiler della Vidocq Society di Philadelphia, formata da 82 tra i maggiori specialisti di criminologia i quali una volta al mese si riuniscono per fare il punto sui principali ‘cold case’ mondiali.
Il Mostro di Firenze è fra questi. Ma perché il Mostro spara e uccide ma poi rimane sul luogo del delitto a maneggiare una lama sui cadaveri rischiando di essere scoperto?
“Proprio perché come piquerist gli piaceva la sensazione di agire sui corpi con il coltello”, suggerisce lo scrittore secondo il quale peraltro c’è una certa “ironia del caso”: “per anni si parla della pistola e apparentemente il Mostro ha usato la stessa Beretta per una lunga serie di crimini e pure gli stessi proiettili, invece – afferma – ciò di cui la gente avrebbe dovuto parlare è la sua ossessione per il coltello. Questo è ciò che alla fine potrebbe identificare l’assassino dopo così tanti lunghi anni. Perciò voglio lanciare un appello a chi può ricordare un soggetto con tali caratteristiche”.

» ti potrebbe interessare anche: “Mostre a Venezia: ci sono anche i disegni di Pacciani, per molti il ‘Mostro di Firenze’

(foto da archivio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

6 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Grazie Mike Rodelli adesso lo becchiamo sicuro. O raga mi raccomando, se vedete uno con un coltello…… stiamo svoltando

    • Non è divertente banalizzare così un lavoro fatto per disegnare un profilo psicologico…
      Non ci trovo niente da ridere

  2. Ebbene, uno dei sospettati che è stato arrestato prima degli omicidi di Vicchio e poi rilasciato era un sardo, di cui ho capito che il coltello fa parte del modo di vivere, eppure si diceva che anche LUI avesse un’insolita ossessione per coltelli, quindi non è così divertente come potresti pensare. È il tipo di ossessione e di uso dei coltelli che potrebbe far sospettare a qualcuno che questa loro ossessione non sia normale, anche in un paese pieno di amanti dei coltelli, e potrebbe anche farti riflettere un po ‘su di lui e … ricordarlo per questo giorno. Questo è quello che sto cercando. Un’ossessione INSOLITA. (Il sardo a cui si fa riferimento non era, tuttavia, il Mostro perché era in prigione per i crimini di Vicchio.)

  3. : lo sapete nel mondo e in italia, quanta gente c’e con passione da coltelli ? un infinito. trovatelo che mi viene da ridere :

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.