18.9 C
Venezia
lunedì 27 Settembre 2021

Il Mose ha fatto 16. Con il 2020 butteremo gli stivali?

HomeMose di VeneziaIl Mose ha fatto 16. Con il 2020 butteremo gli stivali?

Il Mose ha fatto 16: sedici volte il centro storico di Venezia all’asciutto.
Il 2020, tra le altre cose, sarà ricordato anche come l’anno in cui il sistema di paratoie mobili è stato attivato per la prima volta, nonostante sia precisato che si tratta ancora di modalità sperimentale e d’emergenza, dopo il primo test avvenuto a luglio con il premier Giuseppe Conte.
Oggi Venezia non ha visto acqua alta, neanche quando alla Diga esterna del Lido i mareografi hanno registrato 107 centimetri alle 9.30. Anche in quei momenti in città l’acqua è sempre rimasta a una quota di 70 centimetri misurati alla Punta della Salute, luogo dove è fissato lo zero mareografico della Laguna.
Il Mose

si è quindi sollevato oggi per la 16a volta dal suo avvio sperimentale, avvenuto il 3 ottobre, secondo la procedura d’emergenza concordata tra Consorzio Venezia Nuova, Commissario straordinario e Provveditorato alle opere pubbliche.
Solo l’8 dicembre scorso è stato registrato un episodio disfunzionale, quando le 78 paratoie non erano state alzate, per una previsione di marea inferiore ai 130 centimetri, ma l’onda si era alzata fino a 138 allagando il centro storico.
Da quel momento la procedura è stata poi rivista, e la sua attivazione è avvenuta anche a quote inferiori.
Questi ultimi, infine, sono stati giorni molto impegnativi perché

non si è trattato di attivazioni singole, bensì, a partire da lunedì 28 dicembre, il Mose è stato attivo ogni giorno.
Si parla di Mose in termine generale, ma l’uso è stato affinato anche con attivazioni differenziate e modulari, alternando le chiusure delle tre bocche di porto e assecondando le escursioni di marea.
Lunedì 28 sono state chiuse tutte le tre bocche di porto, poi Malamocco è stata riaperta alle 14:00, mentre le altre due barriere sono state riabbassate intorno alle 23:00. Il 29 sono state sollevate le due barriere di Lido e quella di Chioggia, mentre a Malamocco il canale navigabile è rimasto libero.
Ieri alle 6:00 sono state chiuse le due barriere di Lido e

alle 8:15 quella di Malamocco. Chioggia è rimasta aperta e percorribile.
Questa mattina la chiusura è stata nuovamente completa.
Oggi termina il 2020, ma su questo fronte l’impegno non è finito: le squadre di tecnici del Consorzio Venezia Nuova, di Comar e di Thetis hanno ricevuto “Alert” anche per i prossimi giorni, perché le previsioni danno nuovi picchi di marea sostenuta.
Per domani, alle ore 11:15 sono previsti 110 centimetri ma la speranza è quella di riuscire a buttare gli stivali di gomma con l’anno nuovo.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor