17.3 C
Venezia
lunedì 02 Agosto 2021

Morosini, il calciatore morto in campo, forse si poteva salvare: tre medici a giudizio

HomeCalcioMorosini, il calciatore morto in campo, forse si poteva salvare: tre medici a giudizio

ambulanza soccorso campo da calcio

L’ipotesi accusatoria consiste nel fatto che i medici avrebbero dovuto usare il defibrillatore semiautomatico, che si trovava disponibile allo stadio di Pescara, dove avvenne la disgrazia.

I tre medici intervenuti a soccorrere Piermario Morosini, calciatore 24enne del Livorno, morto in campo il 14 aprile 2012 durante Pescara-Livorno, sono stati rinviati a giudizio.

Si tratta dei medici sociali delle due squadre, Manlio Porcellini del Livorno e Ernesto Sabatini del Pescara, e il medico del 118 in servizio quel giorno allo stadio Adriatico, Vito Molfese, tutti rinviati a giudizio con l’accusa di omicidio colposo.

Il processo è fissato per il primo dicembre. Nella perizia presentata dai consulenti del gip si legge che i tre medici avrebbero dovuto usare il defibrillatore che «avrebbe dato qualche chance in più di sopravvivere» al calciatore. Si legge nel documento: «ciascuno dei medici intervenuti è chiamato a detenere, nel proprio patrimonio di conoscenza professionale, il valore insostituibile del defibrillatore semi-automatico nella diagnosi del ritmo sottostante e, in caso di fibrillazione ventricolare, il valore cruciale nell’influenzare le chance di sopravvivenza della vittima di collasso».

Paolo Pradolin

[26/03/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.