19.1 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

Mirano, famiglia infettata dall’epatite A

HomeCittà Metropolitana di VeneziaMirano, famiglia infettata dall’epatite A

mirano ospedale

Erano andati a fare un viaggio in Etiopia (Africa) e al rientro, una coppia residente a Mirano (Ve), ha cominciato a manifestare i sintomi di una malattia grave come l’epatite A. É poi risultato che anche le due figlie sono state contagiate. L’Ulss 13 di Mirano suggerisce: ‘’Chi va in Africa deve prima rivolgersi per consulenza agli ambulatori Servizio Igiene Pubblica dei vari ospedali’’.

Febbre alta e vomito, questi i primi sintomi e per una coppia residente a Mirano, è stata diagnosticata l’epatite A, malattia che qui in Italia non è diffusa. Mamma e papà erano appena ritornati da un viaggio in Etiopia e con i primi sintomi si sono immediatamente allarmati, hanno così contattato il Centro per le Malattie Infettive di Negrar (Verona) e dopo alcuni esami hanno constatato l’entità del virus contratto.

È poi immediatamente scattata la segnalazione al Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss 13. L’uomo, un 36enne, è rimasto una ventina di giorni in ospedale e poi altri 30 di convalescenza a casa. Per il resto della famiglia, la moglie e le due figlie, non è servito il ricovero ospedaliero, ma l’Uos Prevenzione Malattie Infettive e diffusive ha seguito i pazienti, fino alla guarigione.

Questo episodio infatti, risale ad un mese fa circa, non è ancora stata accertata la fonte del contagio, ma, come assicura la dottoressa responsabile dello Uos, Lucia Silvestri, ‘’l’epatite A si contrae con il consumo di acqua o alcuni cibi crudi (o non cotti a sufficienza). Negli ultimi mesi vi è stata in Italia una epidemia di epatite A da frutti di bosco surgelati crudi’’.

La cura non c’è, ma esiste un vaccino, basterebbe rivolgersi al più vicino ospedale, ecco perché la Ulss invita a chi deve effettuare viaggi in Africa o nel sud del mondo (nei Paesi a rischio), di premunirsi delle apposite vaccinazioni prima di partire e prima ancora, una consulenza presso l’ambulatorio, del Servizio di Igiene Pubblica della Ulss 13, dedicato ai viaggiatori internazionali.

Redazione

[10/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.