2 C
Venezia
martedì 07 Dicembre 2021

Mirano, famiglia infettata dall’epatite A

HomeCittà Metropolitana di VeneziaMirano, famiglia infettata dall’epatite A
la notizia dopo la pubblicità

mirano ospedale

Erano andati a fare un viaggio in Etiopia (Africa) e al rientro, una coppia residente a Mirano (Ve), ha cominciato a manifestare i sintomi di una malattia grave come l’epatite A. É poi risultato che anche le due figlie sono state contagiate. L’Ulss 13 di Mirano suggerisce: ‘’Chi va in Africa deve prima rivolgersi per consulenza agli ambulatori Servizio Igiene Pubblica dei vari ospedali’’.

Febbre alta e vomito, questi i primi sintomi e per una coppia residente a Mirano, è stata diagnosticata l’epatite A, malattia che qui in Italia non è diffusa. Mamma e papà erano appena ritornati da un viaggio in Etiopia e con i primi sintomi si sono immediatamente allarmati, hanno così contattato il Centro per le Malattie Infettive di Negrar (Verona) e dopo alcuni esami hanno constatato l’entità del virus contratto.

È poi immediatamente scattata la segnalazione al Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss 13. L’uomo, un 36enne, è rimasto una ventina di giorni in ospedale e poi altri 30 di convalescenza a casa. Per il resto della famiglia, la moglie e le due figlie, non è servito il ricovero ospedaliero, ma l’Uos Prevenzione Malattie Infettive e diffusive ha seguito i pazienti, fino alla guarigione.

Questo episodio infatti, risale ad un mese fa circa, non è ancora stata accertata la fonte del contagio, ma, come assicura la dottoressa responsabile dello Uos, Lucia Silvestri, ‘’l’epatite A si contrae con il consumo di acqua o alcuni cibi crudi (o non cotti a sufficienza). Negli ultimi mesi vi è stata in Italia una epidemia di epatite A da frutti di bosco surgelati crudi’’.

La cura non c’è, ma esiste un vaccino, basterebbe rivolgersi al più vicino ospedale, ecco perché la Ulss invita a chi deve effettuare viaggi in Africa o nel sud del mondo (nei Paesi a rischio), di premunirsi delle apposite vaccinazioni prima di partire e prima ancora, una consulenza presso l’ambulatorio, del Servizio di Igiene Pubblica della Ulss 13, dedicato ai viaggiatori internazionali.

Redazione

[10/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più

"Era finalmente nata la Scuola Elementare “Imelda Lambertini”, che nei decenni a venire diverrà vero e proprio fulcro dell’intera zona, confermando l’area di San Canciano come una tra le più vive e fornite dell’intero Centro Storico. I suoi bambini dal grembiule colorato allietavano il circondario, generando ricchezza non solo sociale, ma anche economica per ogni attività della zona".

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...