mercoledì 26 Gennaio 2022
2.1 C
Venezia

Mira, riduce la madre in fin di vita a martellate

HomeViolenze domesticheMira, riduce la madre in fin di vita a martellate

Quarto d’Altino: imbrattavano muri e auto denunciati
Nessuno è in grado di capire, per il momento, quale possa essere stata la causa di quell’aggressione violenta contro la madre di 77 anni, fra le mura di casa a Mira, forse una discussione, un raptus, una rivendicazione, che il figlio di 46 anni non è riuscito a controllare, a respingere e le conseguenze ora le sta valutando dal carcere.

Violata la sacralità che il rapporto madre e figlio richiama, si fa strada e si evidenzia una quotidianità piena di interrogativi. Quel martello scagliato sulla testa della donna, cosa voleva respingere o affermare? La richiesta di denaro, un rapporto di difficile convivenza? Una dipendenza da ludopatia, come bisbigliano i vicini che sembrano aver sentito le urla, ma che non sono intervenuti, perché “i due litigavano spesso …”.

E’ lui, il figlio a chiamare il 112 quando vede la madre invasa dal sangue, pensa che sia già morta e all’arrivo della polizia e dell’ambulanza, lo trovano a terra, accanto al corpo con il martello tra le mani. La madre è ancora viva, viene trasportata d’urgenza in ospedale è in rianimazione e i medici stanno tentando l’impossibile per salvarla, stanno valutando l’eventualità di un intervento chirurgico, ma ancora non sono in grado di pronunciarsi.

Questi i fatti di una cronaca semplice e insieme complessa perché si frappone in un rapporto esclusivo che sempre caratterizza quello tra madre e figlio. E poi il contorno, che come sempre è ambivalente. Un fatto cui purtroppo ci siamo abituati (quasi) a leggere dentro una quotidianità sinistra, che ogni volta rinnova l’orrore e sempre più ci dice quanto grande sia la violenza dentro e fuori le mura di casa.

Pare che l’uomo fosse seguito dal Centro di salute mentale e che i suoi comportamenti fossero affettuosi nei confronti della donna, che camminava con qualche difficoltà motoria, l’accompagnava a braccetto a fare la spesa, lei era rimasta vedova qualche anno fa e lui sembrava voler bene alla madre, l’accudiva anche quando è stata ricoverata in ospedale.

Ora i vicini dicono che si “avvertiva” una situazione di disagio, nell’osservarli, nel vederli stare insieme. Lui lavora in una cooperativa a carattere sanitario e i vicini ripetono che mai avrebbero pensato potesse succedere un fatto così grave. Sì, li sentivano litigare, anche questa volta, ma nessuno ha pensato di intervenire, suonare il campanello, chiedere se ci fosse stato bisogno di aiuto. No, non si sono preoccupati i vicini, erano liti quotidiane, sostengono.

E adesso che questa madre si trova in gravissime condizioni in un letto d’ospedale e il figlio in una cella carceraria, in attesa dell’udienza di convalida, la storia è giunta all’epilogo di una famiglia distrutta dalla violenza e dal penoso travaglio che quasta volta ha visto come protagonisti una madre e suo figlio.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Lettera ai veneziani: Non vedete lo scempio in cui state riducendo la vostra città?

Accludo una fotografia emblematica del disastro che state combinando nella vostra città (Venezia, ndr). A un primo esame si potrebbe pensare che si tratta della foto di qualche bazar in Medio Oriente o un mercatino in centro America o Africa, invece corrisponde...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

Cognato circuisce ragazzina di 12 anni con regali e ne approfitta sessualmente, Tribunale di Venezia: niente patteggiamento

Ha abusato sessualmente di una ragazzina di 12 anni. Il responsabile è il cognato che di anni ne aveva ben più di trenta. Ne ha abusato ripetutamente ammaliandola con regali e regalini per confonderla. Finché la scuola si è accorta che...