venerdì 21 Gennaio 2022
1 C
Venezia

Minacce di morte in hotel per ottenere l’assunzione

HomeCarabinieriMinacce di morte in hotel per ottenere l'assunzione

Minacce di morte in hotel per ottenere il posto di lavoro.
“Farete una brutta fine”. La minaccia. “Se non mi fate lavorare qui”. La sua condizione.
In mezzo, probabilmente, la disperazione dovuta al periodo e alla mancanza di entrate economiche, ma che non giustifica il comportamento aggressivo e pericoloso. Era anche irregolare sul territorio italiano, ma voleva farsi assumere a tutti i costi in un noto hotel di Venezia, a Cannaregio.
Oltre alle minacce di morte, l’uomo era arrivato a forzare la porta d’ingresso dell’hotel.
I carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al compimento di una serie di accertamenti e dopo aver raccolto le testimonianza di alcuni dei dipendenti, hanno denunciato un trentenne pachistano, domiciliato in città, per il reato di tentata estorsione ai danni della stessa struttura ricettiva.
L’uomo, non nuovo a questo tipo di episodi e con diversi precedenti di polizia,

per circa una settimana, è andato più volte nell’albergo del sestiere di Cannaregio e con toni accesi, cercando in alcuni casi anche il contatto fisico, ha minacciato le impiegate della reception e la direttrice della struttura. Cosa voleva?
Farsi assumere a tutti i costi, diventare un dipendente della struttura. E a nulla sono valse le risposte delle impiegate che, in tutti i modi, hanno cercato di far capire all’uomo che la struttura alberghiera fosse al completo di personale. E che, a causa dell’emergenza sanitaria da coronavirus, la clientela e il volume di lavoro fossero

calati parecchio, insufficienti per giustificare una nuova assunzione.
Il cittadino extracomunitario non volendo sentire ragioni. In alcuni casi ha addirittura cercato di forzare l’ingresso dell’hotel, che i dipendenti della struttura, vista la situazione che si era venuta a creare, giorno dopo giorno, avevano chiuso in via precauzionale.
Un atteggiamento aggressivo che certamente non gli avrebbe fatto avere il posto di lavoro e che

non faceva più lavorare con serenità i dipendenti dell’albergo, spaventando i clienti.
Considerata la forte insistenza dello straniero e lo stato di agitazione del personale, la direttrice ha richiesto l’intervento dei Carabinieri – tramite il 112 – che dopo aver raccolto testimonianze e filmati, hanno individuato l’uomo. Il trentenne è stato accompagnato in caserma perché irregolare sul territorio nazionale e successivamente denunciato per tentata estorsione.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Morte improvvisa dopo vaccino, esposto in Procura a Mira

Alessandro Cavarretta, 51 anni, mercoledì scorso si sottopone al vaccino, dopo due giorni la morte improvvisa lasciando tutti nell'angoscia e con una domanda pendente: perché? Il certificato di decesso parla di arresto cardiocircolatorio ma essa non chiarisce come diagnosi di morte, è...

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi Actv: ecco come e quando

Green Pass obbligatorio a Venezia a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale. La comunicazione arriva direttamente dall'Azienda che recepisce il DL del governo sul tema. E dato il rigore della disposizione non è certo il caso di prenderla alla leggera: la sanzione...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Donna morta dopo 4 vaccini, figli: “A noi chiesto niente”, l’ospedale: “C’è il consenso informato”

La signora aveva fatto un ictus a marzo, dopo la prima coppia di vaccini. Ne avrebbe poi ricevuto altri due secondo la denuncia dei figli.

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

8 Marzo dedicato alla Coreografa Luciana De Fanti. Di Andreina Corso

Se Italo Calvino ci perdona, se lo copiamo e ci lascia dire: se una sera d’inverno a Mestre una Grande Donna, un’Artista, una Ballerina, una Coreografa e una animalista ricorda suo figlio Omar Caenazzo, morto prematuramente in un incidente stradale, quella...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Il nostro giornale festeggia: oltre 10 milioni di pagine viste

"La Voce di Venezia" a luglio 2014 ha incredibilmente abbattuto il muro delle 10 milioni di pagine viste. Era ormai qualche anno fa: un pugno di ragazzi (in parte di Venezia) usciti dal corso di laurea di "Scienze della Comunicazione"...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...