spot_img
12.8 C
Venezia
venerdì 22 Ottobre 2021

Nuova moda: sfiorare il tram in arrivo, distesi sui binari o saltandoci davanti

HomeNotizie di aperturaNuova moda: sfiorare il tram in arrivo, distesi sui binari o saltandoci davanti

Tram fermo oggi pomeriggio, uscito dai binari
Evidentemente in incosciente spregio del pericolo, in bilico fra realtà e virtualità, ignari delle conseguenze di alcuni atti sconsiderati che nessun smartphone, pur riprendendoli e glorificandoli sul web, potrà evitare, i ragazzi sembrano attratti dal gioco della morte.

E voilà l’ultima moda: eccoli a scommettere distesi sui binari del tram, chi si alzerà per ultimo, prima di essere travolto dal bisonte rosso, vincerà la prova di coraggio. Sembrano divertirsi e già da qualche mese hanno dato prova di sconsiderate intenzioni in grado di danneggiarli e di mettere a rischio i passeggeri del tram.

Già qualche sasso messo ad hoc sui binari, aveva preannunciato una nuova sperimentazione dello svago, in questa incontenibile deriva giovanile che interroga seriamente il mondo adulto che ora più che mai è tenuto a richiamare i figli sulle loro responsabilità.

Qualche sera fa il 113 è stato informato da un ispettore dell’ACTV sul fatto che il tram non riusciva a svolgere il suo percorso in quanto disturbato continuamente da interruzioni provocate da una quindicina di ragazzi che attraversavano impuniti le rotaie del tram di Marghera, costringendo l’autista a brusche frenate, mettendo in ansia i viaggiatori, creando sgomento e incredulità.

Questa volta hanno esibito la performance sotto la luce del sole, alle 9e30 a Marghera, in via Rinascita, altre volte agiscono di sera, non rispondono ai ripetuti richiami di chi li ammonisce, li invita alla prudenza e a tornarsene a casa: niente da fare, scappano solo all’arrivo della Polizia urbana e dei carabinieri.

Chi li ha visti e osservati dice che sono giovanissimi, che ridono durante la prova, spacconi, sembrano non considerare che potrebbero uscire morti da questo diabolico gioco che si somma in fondo ad altre forme di incoscienza che oltrepassa ogni limite, ogni attenzione per la propria e altrui vita.

Chi, se non la famiglia può farsi carico del problema?

Andreina Corso | 26/08/2016 | (Photo Enzo Pedrocco) | [cod ratram]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements