giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Mestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

HomeMestre violentaMestre, palpano il sedere alla moglie. Marito li redarguisce e viene picchiato anche se ha la figlia in braccio

Il padre di famiglia ha rinunciato a fare denuncia temendo che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi

La notte brava di tre marocchini: rapinano una ragazza e nonostante inseguiti fanno un altro furto

Palpano il sedere alla moglie, il marito si intromette e la gang lo picchia nonostante l’uomo abbia la figlia piccola in braccio. Alla fine, il capofamiglia rinuncia a fare denuncia alla polizia che potrebbe risalire in poco tempo ai responsabili per timore di ritorsioni, visto che i malintenzionati sarebbero certo a piede libero presto e saprebbero ritrovarlo.
A che punto sono arrivate le aberrazioni della nostra “società civile”? Quanto manca affinché l’attuale stato di diritto si sovrapponga ad una sorta di “legge della giungla” dove ci si scontra tra soggetti e comanda il più forte? Domande forti che scaturiscono dopo l’ennesimo esempio di violenza urbana originato a Mestre.

La famigliola, padre con la bimba di tre anni in braccio e la moglie a fianco, verso le 23, dopo una pizza per festeggiare il compleanno dell’uomo, provano ad entrare nella sala Bingo di via Guglielmo Pepe 2 per tentare la fortuna. La regola però prevede che i minori non siano ammessi, così la coppia torna sui suoi passi. Uscendo, però, la famigliola incrocia un gruppo di persone di colore che sanno uscendo dal bar: passando, uno di loro allunga le mani volontariamente sul sedere della donna.

Il marito chiede cosa facessero, ottenendo come risposta una minaccia: “Fatti i c… tuoi, non rompere i co…”. Una parola, due parole e il diverbio finisce con i delinquenti che lo prendono a calci e pugni nonostante il padre avesse in braccio la figlioletta di tre anni.

Il trambusto richiama la sicurezza della sala Bingo che ferma il pestaggio. Arriva la polizia che soccorre l’uomo anche se gli assalitori erano già fuggiti. L’uomo a quel punto sceglie di non sporgere denuncia visto che lavora in centro a Mestre. Il padre di famiglia ha temuto che, a causa delle leggi attuali, i balordi sarebbero tornati presto in strada e avrebbero potuto decidere di andarlo a cercare per vendicarsi verso chi ha fatto denuncia.

(foto di repertorio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

13 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Sono sicuramente musulmani. per loro tutte le nostre donne sono prostitute e disponibili . Causa i petroldollari, gasdotto dall’Algeria per esempio, etc. siamo diventati servili e accondiscenti nei loro confronti anche se ci insultano a casa nostra (e picchiano) .

  2. Se la notizia fosse vera, il padre di famiglia dovrebbe subito col primo charter organizzare il definitivo trasloco di tutta la famiglia all’ estero…ricordiamolo tutti LO STATO SIAMO NOI..e con l omerta’, la paura, l indifferenza siamo noi responsabili del degrado. .oltreché di leggi che la magistratura applica ma leggi fatte dai politici votati da noi italiani.

  3. Facciamoli entrare questi immigranti di colore,neri africani senegalesi marocchini tunisini,di tutto,e chi piu ne ha piu ne metta,governo di m ma cosa state combinando,siamo governati da gente che non guarda il proprio popolo e la loro incolumità,ma guarda i propri interessi,governo pupo.

  4. Il degrado e ovunque tra droga venduta in ogni centimetro delle nostre strade …italiani o no ha poca importanza …il macello e ormai molto visibile in tutta italia..gli italiani avrebbero bisogno nn di politici o forze dell ordine che sono postini con il manganello o politici corrotti o peggio ancora magistrati firma carte ma avrebbero bisogno di essere loro stessi i tutelanti della nostra nazione ….per far questo basti pensarw all islanda ….in tre giorni l hanno rovesciata e riscritto la loro costituzione in maniera pratica e giovanile …ci rendiamo conto che abbiamo dottori ..politici …ecc ecc delle classi medio alte che lavorano fino a 90 anni …….e un togliere spazi a chi nn ne trova ….e ci sara sempre piu delinquenza e degrado …sono 100 anni che provano fra virgolette a combattere la mafia eppure ce ancora e piu forte di prima ..questo perche ….perche invece di arginare i problemi bisogna toglierli dalla radice ..in italia nessuno va alla radice ….ma si pesca sempre il pagliaccio di turno ..perche fa comodo e notizia …ricordiamo che la mafia e lo stato …..lo stato che da troppi anni fa gli interessi di pochi invece che di tanti …cordialita .

    • Sono perfettamente d’accordo con te siamo ormai arrivati alla canna del gas e nonostante tutto le forze dell’ordine fanno molto poco perché sono casi sporadici e a volte non vengono neanche segnalati come il sig. Che ha paura di denunciare ma non si può biasimarlo ..la gente ha paura perché abbiamo a che fare con cani sciolti i quali non hanno niente da perdere , e questo aime’ è solo l’inizio di una prossima caccia all’uomo
      .mah! Io la vedo così.

  5. Ormai, in questo paese di deficienti, se vuoi un po’ di Giustizia devi andartela a prendere da solo !!!! E soprattutto non devi dire niente a nessuno, altrimenti ti saltano al collo ! Ormai siamo un paese alla deriva. Era molto meglio se gli Americani nel 1945 ci lasciavano morire di fame, altro che Piano Marshall….forse qualche sopravvissuto oggi avrebbe del “buon senso”….

  6. Ma non e’ vero che abbiamo votato questi politici di mer..a, questo e’ il quarto governo non votato dagli Italiani, incominciando da l ‘imbecille di Napo*****o buffone. Certamente doveva denunciare , ma non gli do tanto torto, non lo biasimo. Io avrei fatto un altra cosa…
    Pero’ la denuncia dovrebbe partire d’ufficio, cioe’ in automatico.

  7. Se la notizia fosse vera, il padre di famiglia dovrebbe subito col primo charter organizzare il definitivo trasloco di tutta la famiglia all’ estero…ricordiamolo tutti LO STATO SIAMO NOI..e con l omerta’, la paura, l indifferenza siamo noi responsabili del degrado. .oltreché di leggi che la magistratura applica ma leggi fatte dai politici votati da noi italiani.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Giardinetti Reali di Venezia: eliminate due balaustre per dar spazio ai trasporti turistici. Lettere

"Recinzione Napoleonica ripristinata a San Marco dopo 14 anni di battaglie e un esposto del Prof. Mozzatto, ma subito rimossi ben due tratti della storica balaustra per fare dei pontili turistici: continua lo scempio a Venezia per dal posto alle attività...