8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Maturità 2014: tra Quasimodo e la Grande Guerra

HomeNotizie NazionaliMaturità 2014: tra Quasimodo e la Grande Guerra
la notizia dopo la pubblicità

maturità

18 Giugno 2014: primo giorno di maturità per 460mila studenti che si sono dovuti confrontare per la tanto temuta analisi del testo con Quasimodo, con una poesia tratta dalla raccolta “Ed è subito sera”.

Scelta particolare dato che in molte scuole, il poeta lo si studia poco approfonditamente. Per il tema di ordine generale una frase tratta da ‘Il rammendo delle periferie’ con un l’articolo che prendeva spunto da Renzo Piano «Siamo un Paese straordinario e bellissimo, ma allo stesso tempo molto fragile». La traccia storica riguardava il confronto tra l’Europa attuale e quella del 1914. Per il saggio breve in ambito artistico-letterario, il titolo era ‘Il dono’, mentre quello in ambito scientifico rifletteva la pervasività delle tecnologie. Sempre per il saggio o articolo di giornale, stamattina gli studenti potevano scegliere di parlare della violenza o non violenza e le nuove responsabilità sotto il profilo socio-economico.

Intanto ieri, nella cosiddetta notte prima degli esami, il tototracce si è rincorso per tutto il web. Molti erano convinti ci sarebbe stato Marquez, altri Pirandello (come ogni anno), la Prima guerra mondiale la si dava per scontata (e su questo si è avuto ragione), i dieci anni di Facebook e come la società è cambiata coi social network, i due Papi, questi solo per citare qualche traccia che gli studenti avrebbero voluto o sperato trovarsi davanti.

Anche il Premier, Matteo Renzi, ha voluto lasciare un suo pensiero ai maturandi, ricordando il suo giorno d’esame. «Per un nuovo racconto del Paese – ha detto il presidente del Consiglio – dobbiamo essere capaci di raccontare emozioni. Magari oggi non ci ricordiamo come sia andato il compito – ha detto – ma ci ricordiamo l’insieme delle emozioni, la notte della vigilia, lo sguardo di babbo e mamma che al mattino ci accompagnavano alla porta».

Redazione

[18/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Ed è subito sera. Salvatore Quasimodo e la sua Poesia. Mi metto nei panni di uno studente, una studentessa, alle prese con il mondo della poesia.
    Sarei presa dal panico, ecco che arriva lei, la poesia, a dirmi chi sono, cosa penso, cosa provo. Lei, la poesia guarda alle mie emozioni, si occupa del mio pensiero e del mio sentire. Io non so se sono “abitata dalla poesia”, intorno a me si parla d’altro. Provo a ricordare le cose che ho letto, le spiegazioni dei miei insegnanti. Non so se la poesia mi piace, ma se un uomo ha potuto scrivere delle parole che interessano anche le ragazze come me e altre ne interesserà in futuro, se mi è capitato in braccio all’improvviso e la sua poesia mi induce a fare questo benedetto compito d’italiano… magari domani, no, dopodomani, faccio amicizia con questo poeta, lo voglio conoscere meglio, solo però se prendo la sufficienza.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

“Vi invidio colleghi sospesi, passerete Natale a casa”: la lettera di una dottoressa in prima linea. Di Andreina Corso

Lettera di una dottoressa che combatte il Covid in prima linea ai colleghi sospesi: "Passerete Natale con i cari e poi tornerete al lavoro"

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

Maestra veneziana in Terapia Intensiva. Era stata licenziata a Treviso perché “Il virus non esiste”

Sabrina P., maestra veneziana, è ricoverata in Terapia Intensiva all'Ospedale dell'Angelo di Mestre. Non vaccinata, no vax e negazionista della prima ora, era stata già sollevata da una scuola di Treviso in quanto continuava a ripetere ai bambini: "Il virus non...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Venezia e sovraffollamento di turisti: altro weekend di passione

Ritorna l’onda alta della marea di turisti che assediano Venezia e che rispecchiano, come già tante volte abbiamo visto in questi anni, le situazioni di disagio e di crisi che la città si trova a subire a causa del sovraffollamento, dopo...

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...