30.9 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Marghera, microspaccio sotto il cavalcavia. La polizia locale sgombera i bivacchi e ferma un uomo

HomeDegrado in cittàMarghera, microspaccio sotto il cavalcavia. La polizia locale sgombera i bivacchi e ferma un uomo

sgombero cavalcavia Marghera Rizzardi polizia locale oculus
Marghera, microspaccio tra i rifugi fatti di scatoloni e cassette sotto il cavalcavia. La polizia locale sgombera i bivacchi e ferma un uomo.

Quando gli agenti sono arrivati hanno trovato materassi, tappeti e asciugamani sostenuti da cassette e scatoloni a mo’ di tende.

Questa mattina una squadra del Nucleo di Pronto Impiego della Polizia Locale di Venezia è intervenuta, nell’ambito del programma di rigenerazione urbana denominato “Oculus”, alla rampa Rizzardi, sotto il cavalcavia di Marghera, dove si erano insediate alcune persone di origine magrebina dedite al consumo e al microspaccio di sostanze stupefacenti.

Sotto la rampa, in una posizione difficilmente visibile dall’esterno, erano stati allestiti da alcuni giorni due rifugi notturni, che versavano in condizioni igieniche disastrose: l’insolito viavai di persone non era però sfuggito ai residenti di Marghera, che hanno prontamente segnalato la cosa alla Polizia locale.

I rifugi notturni erano composti di pezzi di legno, cassette della frutta, materassi, scatoloni, tappeti e asciugamani a mo’ di tende. Vicino sono stati trovati degli oggetti che hanno lasciato pensare al passaggio di persone: ciabatte infradito, una pentola e un piatto, una scatola di sale.

Nel corso dell’operazione di sgombero, in cui sono stati impiegati anche i cani antidroga, è stato identificato un uomo di nazionalità marocchina, su cui sono ora in corso accertamenti.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.