20.6 C
Venezia
venerdì 06 Agosto 2021

M9 di Mestre, posata la prima pietra

HomeMestre e terrafermaM9 di Mestre, posata la prima pietra

m9 museo mestre

E’ partito mercoledì il cantiere dello Spazio M9 con la posa della prima pietra. Lì, a due passi da Piazza Ferretto, sorgerà il museo del Novecento della Fondazione di Venezia.

L’apertura per il pubblico è prevista nel 2017, con i lavori che si concluderanno il 12 dicembre 2016. 900 giorni per la costruzione dell’edificio e i rimanenti per l’allestimento della mostra.

E così mercoledì mattina Plinio Danieli e Gianpaolo Fortunati, amministratore delegato e presidente della Polymnia Venezia, hanno dato a Franco Pavan, responsabile della commessa per Maltauro Spa, impresa che si è aggiudicata l’appalto per i lavori, le chiavi del cantiere.

L’appalto per i lavori è di 30 milioni, mentre l’investimento da parte della Fondazione di Venezia arriva quasi ai 100 milioni.

Intanto c’è già chi vorrebbe che l’M9 vivesse anche prima della fine dei lavori, come Angela Vettese, assessore alla Cultura del Comune.

«Questo progetto parte con ritardo e l’attesa è ancora lunga. Io suggerisco di far vivere lo spazio M9 già prima della realizzazione dello spazio fisico con eventi, mostre, collaborazioni in terraferma – ha dichiarato – Molto probabilmente io tra tre anni non ci sarò ma una presenza di M9 nelle istituzioni del territorio può preservare la cultura in terraferma che sta correndo il rischio di essere seriamente ridotta».

Una cultura che rischia a Mestre, di sprofondare sempre di più, anche di fronte ai dati. L’assessorato rischia di avere solo 2 milioni e mezzo, contro i quasi 4 del 2013. «L’impegno minimo con cui si può andare avanti in terraferma tra Toniolo, Candiani e biblioteca Vez è di 3 milioni e 108 mila euro», conclude Vettese.

Redazione

[13/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.