martedì 18 Gennaio 2022
7.5 C
Venezia

Lino Toffolo è morto. Venezia (ma non solo) a lutto

HomeNotizie Venezia e MestreLino Toffolo è morto. Venezia (ma non solo) a lutto

Lino Toffolo è morto. Venezia (ma non solo) a lutto

E’ morto Lino Toffolo, attore, cantautore e cabarettista veneziano, di Murano.
Lino Toffolo era nato a Murano 82 anni fa ed è stato protagonista di numerosi film e trasmissioni televisive. Aveva fatto il suo esordio agli inizi degli anni ’60 a Milano, al ‘Derby’, accanto a personaggi come Enzo Jannacci. Particolarmente conosciuta la sua caratterizzazione del veneziano ubriaco. Nel cinema ha partecipato a diversi film con noti registi, tra cui Monicelli, ed era stato autore di sigle televisive, come Johnny Bassotto.

Lino Toffolo è morto in seguito a un malore. Alcuni giorni era stato ricoverato in ospedale per delle fratture riportate in seguito pare a una caduta e poi aveva fatto ritorno a casa.

Attento ‘lettore’ della società e della cronaca, non solo locale, su un post del 9 maggio su Fb aveva preso di mira la ‘moda’ delle foto sui binari da parte dei giovani. “Ragazzi e ragazzini, scusatemi! Non è solo perché sono invidioso della vostra età! Ma sdraiarsi sui binari per farsi un selfie un attimo prima che passi il treno non è “coraggio”, ma “mona pura”, da 24 carati! Vi auguro che il vostro angelo custode non si stufi e sia sempre pronto a salvarvi! (L’ho fatto anch’io andare a letto stanco morto!) Ma neanche si può contare su di Lui all’infinito! Scusatemi ancora, e ricordatevi anche dei vostri genitori!”.

“Ciao #LinoToffolo, autentico interprete del sentimento veneziano. La Città ti abbraccia e ti ringrazia”. Così scrive in un tweet il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, appresa la notizia della morte dell’attore e cabarettista muranese.
“Dopo la scomparsa di Alvise Zorzi, Venezia saluta un altro grande Maestro della tradizione veneziana. Con Lino Toffolo se ne va un grande interprete del sentimento veneziano. Un artista che ha contribuito a far conoscere Venezia in Italia e nel mondo, attraverso l’ironia e l’innata simpatia dei suoi personaggi e che ha sdoganato il dialetto veneziano, con le sue battute, canzoni e interpretazioni” ha aggiunto Brugnaro.

Alla famiglia giungano le mie più sentite condoglianze, unite a quelle dell’Amministrazione comunale e della città tutta.

Caro Lino e Alvise, la vostra Venezia Vi abbraccia, Vi ringrazia e Vi ricorderà sempre con stima e affetto”.

A quella del sindaco Brugnaro si stanno unendo le partecipazioni di tutto il mondo politico e dello spettacolo.
Queste le parole di Roberto Ciambetti, che ha definito l’artista muranese: genio surreale capace di parlare a tutti.

“Per una strana coincidenza della vita, la cronaca ci ha portato nel volgere di pochi giorni la notizia della morte di Alvise Zorzi e oggi l’uscita di scena di Lino Toffolo: sbaglierebbe chi volesse vedere in loro due figure antitetiche, perché in verità essi sono facce di quel mondo variegato del Veneto, capace di conciliare e far convivere gli opposti in maniera armonica, l’inclito e il volgo. E non avrebbe potuto essere altrimenti per un musicista come Lino Toffolo, di una rara autoironia e modestia, artista che seppe mantenere fede alle sue origini e innovare la via veneta al cabaret in quegli anni Sessanta particolarmente fertili e ricchi di provocazioni e protagonisti che hanno lasciato un segno e memorabili ricordi.

Lino Toffolo fu parte di quella squadra di irriverenti innovatori, per molti aspetti travolgente e irridente ma mai irrispettosa ed ebbe lui il merito di saper parlare a tutti, cosa rarissima in un attore, senza distinzione di età, cultura e censo. Forse era l’unico che poteva intonare con la stessa facilità “Oh Nina vien so dabasso che te vojo ben” alla radio regionale veneta, cantare “Johnny Bassotto” per passare poi con disinvoltura a “Pierino e il lupo” di Prokovief o all’ “Histoire du soldat” di Stravinskij o dar voce a quel sesto grado superiore teatrale che è il Ruzzante e il suo pavano.

Comico, certo, cabarettista, attore cinematografico, forse genio del surreale nel portare in scena la figura dello stralunato e dar voce, come pochi, all’anima veneta. Cala il sipario e a me rimane l’amaro in bocca per non essere riuscito ad applaudirlo per l’ultima volta: i grandi attori lasciano una eredità fragile, impalpabile, e nel suo caso i ricordi di tanta allegria e tante risate che sono l’antidoto all’amarezza del quotidiano e di cui gli sarò sempre grato”.

Paolo Pradolin| 18/05/2016 | (Photo: S. Rizzetto) | [cod linove]

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Salvate Venezia: i vip contro lo sfruttamento selvaggio che uccide la città

Sotto la spinta di Venetian Heritage, benemerita associazione già intervenuta tante volte generosamente per aiutare la salvaguardia, Mick Jagger, Francis Ford Coppola, James Ivory, Wes Anderson, Tilda Swinton, il direttore del Guggenheim Museum Richard Armstrong, l'artista Anish Kapoor scrivono a politici e amministratori.

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

“L’attuale modello economico è basato sull’assembramento: la IV ondata ve la siete cercata”. Lettere

"Nessuno ha mai controllato il rispetto delle regole negli alberghi di Venezia"