Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
7.3C
Venezia
sabato 06 Marzo 2021
HomeNotizie Venezia e MestreLino Toffolo è morto. Venezia (ma non solo) a lutto

Lino Toffolo è morto. Venezia (ma non solo) a lutto

Lino Toffolo è morto. Venezia (ma non solo) a lutto

E’ morto Lino Toffolo, attore, cantautore e cabarettista veneziano, di Murano.
Lino Toffolo era nato a Murano 82 anni fa ed è stato protagonista di numerosi film e trasmissioni televisive. Aveva fatto il suo esordio agli inizi degli anni ’60 a Milano, al ‘Derby’, accanto a personaggi come Enzo Jannacci. Particolarmente conosciuta la sua caratterizzazione del veneziano ubriaco. Nel cinema ha partecipato a diversi film con noti registi, tra cui Monicelli, ed era stato autore di sigle televisive, come Johnny Bassotto.

Lino Toffolo è morto in seguito a un malore. Alcuni giorni era stato ricoverato in ospedale per delle fratture riportate in seguito pare a una caduta e poi aveva fatto ritorno a casa.

Attento ‘lettore’ della società e della cronaca, non solo locale, su un post del 9 maggio su Fb aveva preso di mira la ‘moda’ delle foto sui binari da parte dei giovani. “Ragazzi e ragazzini, scusatemi! Non è solo perché sono invidioso della vostra età! Ma sdraiarsi sui binari per farsi un selfie un attimo prima che passi il treno non è “coraggio”, ma “mona pura”, da 24 carati! Vi auguro che il vostro angelo custode non si stufi e sia sempre pronto a salvarvi! (L’ho fatto anch’io andare a letto stanco morto!) Ma neanche si può contare su di Lui all’infinito! Scusatemi ancora, e ricordatevi anche dei vostri genitori!”.

“Ciao #LinoToffolo, autentico interprete del sentimento veneziano. La Città ti abbraccia e ti ringrazia”. Così scrive in un tweet il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, appresa la notizia della morte dell’attore e cabarettista muranese.
“Dopo la scomparsa di Alvise Zorzi, Venezia saluta un altro grande Maestro della tradizione veneziana. Con Lino Toffolo se ne va un grande interprete del sentimento veneziano. Un artista che ha contribuito a far conoscere Venezia in Italia e nel mondo, attraverso l’ironia e l’innata simpatia dei suoi personaggi e che ha sdoganato il dialetto veneziano, con le sue battute, canzoni e interpretazioni” ha aggiunto Brugnaro.

Alla famiglia giungano le mie più sentite condoglianze, unite a quelle dell’Amministrazione comunale e della città tutta.

Caro Lino e Alvise, la vostra Venezia Vi abbraccia, Vi ringrazia e Vi ricorderà sempre con stima e affetto”.

A quella del sindaco Brugnaro si stanno unendo le partecipazioni di tutto il mondo politico e dello spettacolo.
Queste le parole di Roberto Ciambetti, che ha definito l’artista muranese: genio surreale capace di parlare a tutti.

“Per una strana coincidenza della vita, la cronaca ci ha portato nel volgere di pochi giorni la notizia della morte di Alvise Zorzi e oggi l’uscita di scena di Lino Toffolo: sbaglierebbe chi volesse vedere in loro due figure antitetiche, perché in verità essi sono facce di quel mondo variegato del Veneto, capace di conciliare e far convivere gli opposti in maniera armonica, l’inclito e il volgo. E non avrebbe potuto essere altrimenti per un musicista come Lino Toffolo, di una rara autoironia e modestia, artista che seppe mantenere fede alle sue origini e innovare la via veneta al cabaret in quegli anni Sessanta particolarmente fertili e ricchi di provocazioni e protagonisti che hanno lasciato un segno e memorabili ricordi.

Lino Toffolo fu parte di quella squadra di irriverenti innovatori, per molti aspetti travolgente e irridente ma mai irrispettosa ed ebbe lui il merito di saper parlare a tutti, cosa rarissima in un attore, senza distinzione di età, cultura e censo. Forse era l’unico che poteva intonare con la stessa facilità “Oh Nina vien so dabasso che te vojo ben” alla radio regionale veneta, cantare “Johnny Bassotto” per passare poi con disinvoltura a “Pierino e il lupo” di Prokovief o all’ “Histoire du soldat” di Stravinskij o dar voce a quel sesto grado superiore teatrale che è il Ruzzante e il suo pavano.

Comico, certo, cabarettista, attore cinematografico, forse genio del surreale nel portare in scena la figura dello stralunato e dar voce, come pochi, all’anima veneta. Cala il sipario e a me rimane l’amaro in bocca per non essere riuscito ad applaudirlo per l’ultima volta: i grandi attori lasciano una eredità fragile, impalpabile, e nel suo caso i ricordi di tanta allegria e tante risate che sono l’antidoto all’amarezza del quotidiano e di cui gli sarò sempre grato”.

Paolo Pradolin| 18/05/2016 | (Photo: S. Rizzetto) | [cod linove]

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...