venerdì 28 Gennaio 2022
3.9 C
Venezia

L’esercito dello spritz. Tutti in piedi, più fuori che dentro (dai locali) col bicchiere in mano

HomesocietàL'esercito dello spritz. Tutti in piedi, più fuori che dentro (dai locali) col bicchiere in mano

L'esercito dello spritz. Tutti in piedi, più fuori che dentro (dai locali) col bicchiere in mano
Mi aggiro per le piazze della mia regione con fare circospetto, cerco di non farmi notare ma loro sono ovunque.

Spuntano d’improvviso poco prima di ora di cena, si muovono in truppe e invadono le vie, le calli e le piazze non consentendone più il passaggio.

Non sono barbari armati di spade, sono giovani con calici in pugno. Una categoria altrettanto pericolosa.

Non hanno armature ed elmi lucenti ma sgargianti scarpine colorate ed occhiali da sole a protezione dei pericolosissimi raggi lunari (non lo sapevate? Fanno malissimo).

A cosa mi riferisco? Presto detto: alle migliaia anzi, milioni di ragazzi sostenitori e vittime di un rito insindacabile: l’aperitivo (o apericenza come dicono in molti oggi) denominato Spritz.

Li avete visti sicuramente anche voi quei giovani, in piedi, al caldo e al freddo, insensibili a qualunque condizione climatica: neve, pioggia e caldo africano non conta.

Congelano ma non lo danno a vedere, i corpi tremano ma il bicchiere sempre saldo in mano, l’importante è esserci, sempre e comunque.

Un rito a cui rinunciare significa perdere appeal nel proprio ristretto gruppo.

Diciamo la verità : fino a qualche anno fa a nessun giovanissimo piaceva il Gingerino o l’Aperol, chi lo beveva era uno sfigato.

Ora uno non basta, bisogna berne almeno due, senza tralasciare salatini, patatine ed olive, che riempiono gli stomaci svagati che essendo immancabilmente a dieta rinunciano al pasto successivo, oppure nella migliore delle occasioni, si obbligano ad una seduta ulteriore in palestra per bruciare le milioni di calorie che le patatine hanno accumulato sui loro fondoschiena.

Però… c’è un però: non bisogna catalogarli tutti così questi ragazzi, in fondo ultimamente c’è chi è uscito dal tunnel, ovviamente per entrare in un altro.

Quello dello pseudo intenditore enologo.

La categoria migliore: giovani che attraverso un corso accelerato della rubrica Gusto (TG5) hanno appreso i rudimenti del sommelier ed ora girano le varie cantine, pub ed enoteche al grido di Giallo paglierino e Rosso rubino con retrogusto di acacia.

Suvvia giovincelli, che il Tavernello per voi è champagne.

Ma è inutile prendersela, in fondo la moda è fatta così, c’è chi va e chi viene, chi appare e chi scompare ed io sono ancora in attesa speranzoso che la Spuma dei nostri padri torni in auge.

Mattia Cagalli

(Pubblicato il: 12 Gen, 2008 @ 16:05)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venezia, San Zaccaria. La sorpresa all’imbarco: ignoti hanno defecato in vaporetto

Venezia, il degrado del comportamento delle persone ha toccato livelli mai raggiunti prima. Questa mattina un vaporetto ha attraccato al pontile di San Zaccaria, ma i viaggiatori che sono saliti a bordo hanno trovato una disgustosa sorpresa. Un passeggero si era appena...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...

Infarto durante corsa: tragedia a Treviso. Ha 12 anni

Momenti grande paura oggi per un ragazzo di 12 anni colpito da un arresto cardiaco mentre stava correndo una marcia campestre a Vittorio Veneto, nel trevigiano. Il giovane atleta, iscritto alle Fiamme Oro di Padova, è stato visto barcollare e poi...

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Ore 12, settanta persone al Pala Expo si alzano in piedi e si mettono a cantare: è il coro della Fenice che ringrazia il...

Come in un flash mob, bello perché sorprende ed emoziona. Improvvisamente e inaspettatamente 70 persone, che parevano in attesa del proprio turno, a mezzogiorno si sono alzate in piedi e si sono esibite per mezz'ora a sorpresa, in mezzo allo stupore degli...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".