17.9 C
Venezia
sabato 18 Settembre 2021

L’area del Palazzo del cinema sarà riqualificata. Finalmente approvata delibera

HomeLido di VeneziaL'area del Palazzo del cinema sarà riqualificata. Finalmente approvata delibera

amianto lido palazzo cinema

La delibera è stata votata dalla giunta comunale e presentata in conferenza stampa, dove l’assessore all’Urbanistica Andrea Ferrazzi ha spiegato i contenuti del piano, riassunti in quattro ambiti: l’adeguamento funzionale degli edifici esistenti; la ricomposizione dell’area di scavo a verde, spazi pedonali e per la realizzazione di un nuovo edificio da 2.500 metri quadri da destinare al mercato del cinema richiesto dalla Biennale, ma poi utilizzabile tutto l’anno come spazio polifunzionale a disposizione della cittadinanza; la riqualificazione del giardino del Casinò all’interno di un ripensamento dell’intera area, compreso il collegamento con la terrazza a mare, all’interno di un discorso coerente; l’adeguamento della viabilità ciclopedonale e carrabile.

”Potevamo adottare una semplice variante – ha detto Ferrazzi – ma abbiamo deciso di coinvolgere la cittadinanza, recependo il lavoro fatto attraverso il percorso partecipativo con gli abitanti e le associazioni dell’isola e traducendone i risultati in regole con questo piano”.

Ora la competenza passa all’assessore ai Lavori Pubblici Alessandro Maggioni, che stamani ha annunciato: ”Nei prossimi quattro mesi, quando si procederà nell’iter tra pubblicazione, osservazioni, deduzioni ed eventuale parere della Regione per l’assoggettabilità a Vas, porteremo avanti anche l’approfondimento della progettazione, preliminare e definitva, e la ricerca dei fondi necessari, auspicando che si possano immediatamente iniziare i lavori, posando entro il 2014 la prima pietra di un progetto che vogliamo assolutamente portare a compimento, facendo parte dell’obiettivo complessivo di riprenderci il Lido”.

E i soldi necessari all’intervento? “Auspichiamo si possano attestare sui quindici-venti milioni – ha detto Maggioni – con tre le voci di finanziamento: l’operazione sull’Ospedale al Mare, i fondi di Legge speciale, se ce ne saranno, e un contributo da parte del Governo, sul quale il sindaco ha già avviato un colloquio con il Ministero, trovando disponibilità. Quest’ultima è una questione di sostanza, ma anche di principio, perché l’amministrazione, nell’interesse dei cittadini, è disposta a collaborare per sistemare i danni fatti da altri, ma non ad assumersene le responsabilità”.

Giorgia Pradolin

[14/12/2013]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor