7 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

L’addio alla Fiaschetteria Toscana di San Giovanni Grisostomo… e la nostra sindrome

HomeVenezia cambiaL'addio alla Fiaschetteria Toscana di San Giovanni Grisostomo... e la nostra sindrome
la notizia dopo la pubblicità

L'addio alla Fiaschetteria Toscana di San Giovanni Grisostomo... e la nostra sindrome

Il primo ricordo di chi scrive risale agli anni ’70, quando magari per mangiare a casa con qualche amico senza pensarci tanto, si andava lì a prendere una vaschetta di lasagne e qualche polpetta. Una volta, infatti, era tutto piano terra: bar a destra e banco rosticceria a sinistra, con le loro mozzarelle in carrozza uniche a poter competere con quelle di “Gislon”.

Poi, con l’andare del tempo, negli anni ’80 il locale si è adeguato ai tempi ed è diventato ristorante. “Vero”, non “di facciata”, in quanto i residenti (all’epoca numerosi) amavano considerarlo punto di riferimento in questo senso, al pari di un’altra mezza dozzina in città o di un paio di Burano. Soprattutto al primo piano ricordo un paio di matrimoni, un battesimo, una cresima… una volta usava…

Ora si ripropone quella sindrome che sempre di più ultimamente colpisce chi è nato a Venezia, a causa di “progresso” e globalizzazione: quel colpo di spugna che cancellerà in maniera selettiva quella parte dei ricordi legati all’ambiente, alla zona, al periodo in questione. A chi vuoi tramandare esperienze soggettive del genere, con chi se ne può parlare? Se finisce la condivisione prima o poi finisce anche il ricordo stesso, e sarà come se un fatto non sia mai avvenuto. Si tratta della stessa sindrome che tra pochi mesi ci farà dimenticare le scarpe di Marinello, la scuola che frequentavamo oggi albergo, i luoghi di aggregazione, se non addirittura la nostra casa…

Il lungo preambolo di cui mi scuseranno i lettori, causato da una struggente nostalgia per la “Città che era…”, solo per introdurre le poche righe che segnano l’addio alla “Fiaschetteria Toscana” di San Giovanni Grisostomo. Addio che coincide con l’arrivo del nuovo “Burger King”.

Hamburger, patatine fritte, ketchup… repertorio classico per gli amanti del fast food, in linea con la percezione incalzante del tempo dei visitatori mordi e fuggi che sbarcano con un occhio ai monumenti e l’altro al portafoglio.

L’alternativa alla famiglia Busato è in linea con le esigenze commerciali dei tempi attuali e con i tempi veloci per la consumazione del pasto. Caratteristiche che ben si sposano con la nevrotica liberalizzazione attuale di regole e licenze.

Paolo Pradolin

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Paolo Pradolin
Giornalista e conduttore radiofonico, una lunga carriera trascorsa tra giornali e radio. Musica e teatro le sue passioni, con la sua Venezia sempre al primo posto di ogni avventura e esperienza

5 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Se Venezia viene svenduta, è perché i veneziani la svendono, fatevi tutti un esame di coscienza, anziché fare vittimismo

  2. Se ha chiuso la colpa è dei veneziani che non ci andavano più a spendere i skei.
    Non si tiene aperta un azienda per la gloria…
    Viceversa ai turisti sempre più pezzenti che vengono attirati a Venezia dai bassi costi di b/b e trasporti low cost il Burger King è la giusta meta di chi ambisce a nutrirsi senza aver alcuna cultura del mangiare.

  3. Ciao Paolo. Immagino che tu faccia riferimento alla Poerio che e’ anche stata la mia scuola. Direi che il valore simbolico puo’ essere anche maggiore qui che non nel caso della Fiaschetteria ( su cui condivido la tua amarezza). Non possiamo bloccare ( forse) questa vendita ma di sicuro possiamo come ex alunni far sentire ka nostra voce. Cosa ne pensi? Ciao. ANDREA

    • senz’altro… la penso come te e partecipo quando posso alle iniziative di gruppi e associazioni che scendono in strada (in calle) per le stesse ragioni… allo stesso tempo però purtroppo mi porto addosso il senso di sconforto che deriva dal sentirsi accerchiati dalla potenza delle possibilità economiche come unica via a segnare la strada … per questo temo che la Poerio non sarà l’unica, altre scuole cambieranno, è solo questione di tempo, oppure l’ex “La Vida” (tanto per fare due esempi di questi giorni) non sarà un caso isolato, altri momenti di aggregazione sociale saranno estirpati, i locali (ma anche i magazzini) diventeranno bar, gli appartamenti affittacamere … spero di sbagliarmi, non ne sarei mai stato più felice…
      Paolo

      • Scusate l’intromissione,
        il processo è già iniziato da molto, purtroppo non ti sbagli, almeno qui a Venezia città. Nella mia fondamenta, dall’inizio alla fine, sono sorti decine di bacari dipinti come tali ma a cui manca la caratteristica del vero e originale bacaro veneziano.
        Le case vengono acquistate dagli stessi veneziani per poi affittarle.
        Per concludere tra spritz e BigMac non rimarrà molto dei nostri ricordi.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando sulle sue gambe ma dopo poche ore è spirata. F.C., signora di 52 anni residente a Lido, mercoledì...

La confessione di chi è “scappato” da Venezia: “Vetrerie, portieri, bugie…”. Lettere al giornale

In risposta alla lettera al giornale: "Il lusso dei grandi alberghi veneziani porta ricchezza? La confessione di Jacopo, portiere per 5 anni". Il sistema delle vetrerie è stato creato grazie alle sale, praticamente dei supermercati del vetro ( dove gira anche vetro...

Green Pass obbligatorio: quali sono le regole

Green Pass obbligatorio, la guida: tutte le regole. Dove non si entra senza, come procurarselo, quanto dura, ecc...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Malattia durante le ferie del lavoratore dipendente. Che fare?

Innanzitutto, ringrazio la Voce di Venezia per avermi concesso questa rubrica in materia di diritto del lavoro. Sovente i media menzionano parole come TFR, licenziamento per giusta causa, parasubordinazione, contratti collettivi e infinite altre, dando per scontato il loro significato. In realtà,...