19.1 C
Venezia
martedì 03 Agosto 2021

“La Juventus ruba”: la mezza Italia non bianconera inferocita

HomeAltre Notizie"La Juventus ruba": la mezza Italia non bianconera inferocita

juventus torino polemiche rigore non dato

Una storia vecchia, un ritornello che ritorna: “la Juventus ruba”, “la Juventus è aiutata dagli arbitri”, quasi un refrain che parte ogni qualvolta succede qualcosa di ‘poco chiaro’ in area di rigore bianconera o degli avversari.

Ma le tesi complottisctiche vanno respinte sempre e con forza. L’errore umano ci può sempre stare ovunque, figurarsi nell’operato di un arbitro chiamato a decidere in una frazione di secondo con tutti i condizionamenti psicologici reconditi o indotti che gli elaborano per la testa (perchè ce ne sono, è inutile negarlo).

Il derby numero 138 (in serie A) tra Juventus e Torino lascia l’ulteriore strascico, anche se qualche protagonista cerca di sminuire con l’ironia: Giampiero Ventura, per sottolineare che mancava il rigore di Pirlo su El : «Con la Juventus siamo sfortunati».

Antonio Conte onestamente ammetteva: «Il rigore c’era», i detrattori rispondono: «tanto che cambia? Il risultato quello rimane».

C’era un rigore (e questo è certo), probabilmente un secondo giallo a Vidal, se non per il fallo di mano (interpretazioni difformi), per l’intervento su Darmian (infatti Conte, subito dopo, sostituisce il Guerriero). Nicola Rizzoli non ha avuto un arbitraggio fortunato, ma non è stato il solo fischietto «sfortunato» nell’ultima giornata della serie A. Perchè puntare il dito sempre sulle solite accuse? Ma c’è davvero qualcuno che può parlare a ragion veduta di “complotto”? No, mai emersa una prova di ciò in tanti anni. E allora finiamola.

Interviene anche il designatore arbitrale Stefano Braschi, intercettato da SportMediaset: «Il rigore? In campo non si poteva vedere, lo stesso Ventura se n’è accorto soltanto dalle riprese a fine gara. Si è avuta la certezza del rigore solo da un’angolazione. Rizzoli era messo bene in campo, così come l’arbitro di porta Calvarese. La tv può aiutare solo in occasione del gol-non gol oppure quando un fallo è commesso fuori o dentro area. Poi, sul campo, in tutte le altre occasioni, decide l’arbitro. Che certe situazioni non le può vedere. Vogliamo che il calcio sia degli uomini o della tv?».

Se fosse ‘dagli uomini che possoo anche guardare la tv’ potrebbero finire, però, tutte le polemiche.

Roberto Dal Maschio

[25/02/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché ha pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "mi piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.