4.2 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

INTERVISTA A SILVIA GIRALUCCI | Regista di Sfiorando il Muro

HomeCi occupiamo di...INTERVISTA A SILVIA GIRALUCCI | Regista di Sfiorando il Muro
la notizia dopo la pubblicità

Silvia Giralucci è madre di due bambini. Ha 41 anni ma per trentotto è cresciuta senza papà . Lui, Graziano Giralucci, è stato ucciso dalle Brigate Rosse a Padova il 17 giugno del 1974 assieme a Giuseppe Mazzola. Furono le prime vittime in Veneto delle Br negli Anni di Piombo. Una storia di cui si è parlato poco nel tempo, una delle tante rimaste senza una verità  per anni e che la giornalista padovana ha provato a ricostruire con un libroprima (L’inferno sono gli altri – Mondadori) e con un film documento poi (“Sfiorando il Muro”) presentato fuori concorso all’ultima Mostra del Cinema del Lido. Silvia è lei stessa la regista della pellicola che venerdì e sabato verrà  proiettata a Venezia dalla Casa del Cinema della Videoteca Pasinetti a San Stae. In tutto sono programmate tre proiezioni: il 22 marzo (alle 17.30 e alle 20.30) e sabato 23 marzo (alle 20.30). Info 041.5241320.

Giralucci, il silenzio di quegli anni fa ancora rumore?

«E’ ancora assordante. Si è chiuso in un cassetto un periodo e tanti eventi perché si è preferito dimenticare anzichè capire. Importante parlarne per non ripetere e far ripetere quegli errori. E per questo mi sono battuta in questi anni. Non solo per la memoria della figura di mio padre».

L’obiettivo che si era posta prima di realizzare questo film è stato raggiunto?

«Ci sono due tipi di pubblico e due tipi di risposte a questa domanda e dipende dalla lettura che ne hanno dato quelli che hanno vissuto quegli anni da una parte, i giovani e gli stranieri dall’altra. Chi negli anni Settanta c’era e sa di cosa si parlava ha espresso un parere positivo ma contrastante. Alcuni dicono che ho trascurato la destra, che non è spiegato bene quale fosse la posizione politica di quel tempo. Ma io dico che il mio è un film sulla memoria e racconta la stessa storia da vari punti. Chi li ha vissuti quei tempi confronta il film con la propria memoria. La pellicola, invece, rispecchia vari punti di vista e lascia spiazzato lo spettatore cinquantenne che si aspettava di assistere solo a qualcosa che sapeva già . Molto diverso è l’atteggiamento degli stranieri e dei ragazzi che vedono nel film dei temi universali: lo sentono vicino come periodo, trovano un’ identità  di gruppo e la violenza come metodo di confronto».

Lei ha due figli ancora piccoli. Lo hanno visto il film?

«Ho scelto di non farglielo vedere. Primo perché credo non sarebbero in grado di capirlo e poi perché, per la loro età , ci sono scene forti che potrebbero turbarli».

Come nasce l’idea di “Sfiorando il muro”?

«L’idea del film è nata prima del libro, a me piaceva l’idea di raccontare quel periodo per immagini, ne ero e ne sono tuttora affascinata da quegli anni. Mi piaceva ridare corpo ai miei ricordi. Un’amica che se n’è andata 25 anni che ha visto il film mi ha riferito di aver ritrovato la Padova degli anni Ottanta che le era rimasta come fotografia nella sua memoria e che ora è totalmente diversa. E’ servita una grande ricerca per trovare le immagini adatte negli archivi pubblici e privati. Non abbiamo voluto usare immagini usate. E’ stato un lavoro molto lungo ma inedito da un certo punto di vista».

Anni di Piombo, un modo di dire che ancora oggi pesa come un macigno. Lei cosa cerca di spiegare ai giovani quando le chiedono qualcosa di quel periodo?

«I giovani fanno fatica a trovare delle domande perché nascono da una conoscenza. E a scuola non si va oltre Seconda Guerra Mondiale nel programma di storia. Quelli di Piombo sono stati anni di grande violenza e grande rinnovamento sociale. Ma esisteva un grande impegno per riformare ed è stato fatto».

Dopo qualche mese e numerose proiezioni quali sono le cose belle e quelle brutte che si è sentita dire sul suo film?

«Le cose belle sono i ricordi di mio padre, quelli delle persone che l’hanno conosciuto che mi hanno avvicinato o che mi scrivono ancora. Poi sono rimasta impressionata dal giudizio del pubblico russo nel corso della proiezione del 10 marzo a Mosca: c’era gente che alla fine aveva le lacrime agli occhi. Molti si sono dichiarati colpiti e partecipi giudicandola come un’opera che supera il contesto. Le cose brutte invece sono alcune recensione ideologiche che dicono che mi imputano di essere cresciuta in un ambiente di destra e che per quello ho dato un taglio di quel tipo. Ma fa parte del gioco e lo accetto anche se non lo condivido»

Il messaggio che lei voleva lanciare con questo film è arrivato dove voleva arrivare?

«Io penso sia arrivato, non solo ai cuori, ma anche oltre. Il 17 aprile esce in 50 sale in tutta Italia a seguito di una iniziativa del Ministero dei Beni Culturali. Un successo insperato. Io avevo grande timore quando al Lido lo scorso anni venne proiettato per la prima volta. Non volevo essere scontata. Il pubblico e il gradimento della gente mi stanno premiando».

Sala di un cinema di Padova. Occupata una solo poltrona. C’è suo padre Graziano. Si accendono le luci dopo la proiezione. Cosa pensa direbbe?

«Sarebbe felicissimo e orgoglioso. E mi abbraccerebbe».

Quante sono le verità  che devono ancora essere raccontate in questo Paese?

«Ce ne sono tantissime. L’unico metodo per arrivare alla verità  è lo studio delle lettere e dei memoriali come nel sequestro Moro. Solo il metodo filologico può consentire a raggruppare tutti gli elementi che servono per ricostruire le vera verità ».

Raffaele Rosa
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[21/03/2013]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Actv, dipendenti, utenti, sindacato: chi ha ragione?

Filt Cgil giudica severamente il sistema dei trasporti, fino a definirlo indecente e vergognoso, l'azienda accusa il sindacato di spacciare fake news...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...