giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Incredibile al Civile: malati Covid allo Jona dove c’è la Geriatria

HomeOspedale Civile VeneziaIncredibile al Civile: malati Covid allo Jona dove c'è la Geriatria

Incredibile all’Ospedale Civile di Venezia: l’Ulss 3 Serenissima ha deciso di ricavare spazi per i posti letti Covid a pochi metri dagli anziani, nello stesso corridoio.
Accade al Padiglione Jona dell’Ospedale dei SS. Giovanni e Paolo dove ora scendendo dall’ascensore si può andare a sinistra dove sono ricoverati i pazienti positivi Covid, o a destra dove si trovano i letti della Geriatria.
E dire che proprio al Padiglione Jona è scoppiato qualche giorno fa

il più grosso focolaio veneziano con medici e personale contagiato, oltre a pazienti.
La decisione di trasformare una zona del V piano dello Jona in reparto di degenza di positivi è però successiva al cluster di Medicina, ma proprio anche per questo la decisione appare ancora più strana, ci confessa un operatore che ha deciso di parlare con noi in forma anonima.
“La decisione è stata presa qualche giorno fa in gran silenzio. Credo che le operazioni siano avvenute durante il weekend, quindi con personale ridotto al minimo. Gli operatori che sono rientrati dopo il riposo per il turno successivo si son trovati le cose fatte e hanno trovato “raccomandazioni” – per niente velate – che li aspettavano con le conseguenze per chi “avrebbe parlato”.

“Ma è sicuro di quello che ci dice?”
“Le pare che non sia sicuro? Al quinto piano del Padiglione Jona alcuni spazi sono stati riconvertiti per ricoveri di persone con il Covid, e vi sono persone positive ricoverate, mentre nel corridoio di destra e su quello di fronte continuano ad esserci i letti di Geriatria con gli anziani degenti”.

“Ma se ci hanno sempre detto che sono proprio gli anziani i pazienti più fragili e più a rischio per il Covid da proteggere…?”
“Appunto! E’ una cosa vergognosa! E vuole sapere di più? Proprio lì c’è anche un ambulatorio di Radioterapia! Questo significa che vanno a fare visite e controlli pazienti di Radioterapia, lo capisce? Per quegli stessi spazi comuni vanno su e giù pazienti persone per definizione immunodepresse. Avranno anche preso precauzioni, non voglio dire di no, ma gli spazi sono gli stessi. I carri che vanno avanti e indietro per il mangiare, così come quelli della biancheria, sono gli stessi. Gli ascensori sono gli stessi. Mi dica lei…”


“Ma scusi, non era possibile trovare altri spazi per i ricoverati Covid?”

“Evidentemente no, ma si capisce. Guardi bene cosa è diventato l’ospedale ormai… si tratta ormai solo di quella piccola area che si trova in prossimità del cortiletto del motoscafo. L’ospedale ormai non è altro che un piccolo fazzoletto attorno al giardinetto dello Jona, è tutto lì…”

“Ma perché questo?”
“Perché dall’entrata principale, quella dal Campo SS. Giovanni e Paolo, sono tutti diventati spazi per altri scopi. Provi ad entrare di la e percorra tutti gli spazi, i corridoi, gli edifici, i vari piani: camminerà molto ma molto a lungo per trovare un servizio di tipo sanitario. Provi a chiedere, le diranno “E’ Polo Museale”, a gestione diretta di una unica persona”.

“Cioè?”
“Cioè da quando è arrivato quel signore gli spazi per le attività sanitarie si sono contratte sempre di più, con i posti letto ora concentrati e ridotti appunto attorno a quel fazzoletto di fronte lo Jona completamente. E si che l’ospedale sarebbe grande, no?”.

“Quel signore”, ci facciamo spiegare, è un ex direttore dell’Ulss 3 Serenissima che è andato in pensione il 31 agosto 2015, rientrato il giorno dopo, il 1° settembre 2015 come “volontario” (ci assicurano che non è uno scherzo).
A lui è stato affidato l’incarico “senza compenso” di “Responsabile del ‘Polo Museale’ ” (figura che fino al giorno prima non esisteva) con gestione diretta di spazi e strutture.

Da quel preciso momento – ci spiegano – sarebbe cominciato un lento ma costante rimpicciolimento dell’Ospedale Civile di Venezia con conversione di molti spazi ad uso diverso da quello ospedaliero passati sotto la sua “gestione”.

L’ extrema ratio oggi di collocare malati Covid negli unici spazi “operativi” in cui si poteva per esigenze impellenti di posti letto, sarebbe dunque figlia anche di questa situazione.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Mia madre e ricoverata li allo jona entrata il 15 dic negativa al COVID ,8 Gennaio mia madre risulta positiva al COVID trasferita in malattie infettive ora in fin di vita sono andato a trovarla 2 giorni prima del 8 gennaio non mi hanno dato nessuna direttiva su cosa dovevo fare aspetti una telefonata dal ufficio igiene oggi 14 gennaio nessuno mi ha telefonato mi sono auto isolato è mi sono fatto un tampone per conto mio risultato (negativo)di cosa stiamo parlando Pasquino che sono imbecilli SI, che diciamo una marea di cazz…., SI. 15 minuti questo è il tempo che avevo per vederla ,anche no, se si correvano dei rischi,ma loro lo devono fare questo niente visite. Questo e l’unico giornale che ha parlato di quello che succede a venezia.

  2. Non capisco quale sia il problema, mettono gli ammalati di covid vicino agli anziani nel padiglione jona per rendere il passaggio all’isola che sta di fronte più veloce. Dove volete che li mettano direttamente all’obitorio senza passare per il via, bruciare i corpi come hanno fatto a Bergamo ? questo è lo spazio che abbiamo a disposizione, sempre meglio che finire a Mestre.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

“No al vaccino perché…”. Parla l’infermiere di Rianimazione: “Ecco le mie ragioni”

Troppo spesso si entra nel merito dei giudizi sul perché una percentuale di operatori sanitari rifiuti il vaccino anti-covid (non tutti i vaccini, si badi bene, essi non sono no-vax). Ecco le loro motivazioni espresse da un 'addetto ai lavori'. Gli si deve, quantomeno, l'opportuna libertà di parola, che tutti gli altri dovrebbero quantomeno fronteggiare con disponibilità all'ascolto. Questo significa essere informati.

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Venezia, come si aggirano i divieti. Anziani che fingono stretching, passeggiate di coppia, di gruppo, ecc

Un normale pomeriggio veneziano primaverile, come se il coronavirus non esistesse. È questa la situazione di venerdì 10 aprile incontrata scendendo a piedi da Sant'Elena dove il parco è ancora quasi normalmente frequentato anche da bimbi con genitori. In via Garibaldi,...

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Rottweiler entra nel ristorante e sbrana barboncino che stava sotto il tavolo della padrona

Scena drammatica ad Abano. Improvvisamente uno dei rottweiler della proprietaria del locale entra nella pizzeria dove ci sono i clienti che stanno mangiando e azzanna un cagnolino di piccola taglia che se ne stava accovacciato sui piedi della padrona. Ed è...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

Bella giornata a Venezia rovinata da una dimenticanza: 184 euro di multa Actv

Buongiorno, sono una studentessa 25enne in corso di laurea magistrale e vorrei raccontarVi quanto accadutomi stamane 02/04/2017, al ritorno dalla "So e Zo per i ponti" a Venezia. Premetto di aver passato una bellissima mattinata in compagnia del mio fratellino e di un...