lunedì 17 Gennaio 2022
3.7 C
Venezia

INCIDENTE TRENO | Morti per un passaggio a livello incustodito

HomeUncategorizedINCIDENTE TRENO | Morti per un passaggio a livello incustodito

ROSSANO | L'Italia intera si interroga sul drammatico incidente tra un treno e un furgone di ieri sera. La realtà  appare drammaticamente banale: sei sono morti a causa del passaggio a livello incustodito. Tempo fa era di uso comune anche da noi: le 'ferrovie' concedevano casa e terreno ad un casellante in cambio di una convenzione. Il passaggio a livello poteva essere su strada pubblica (e normalmente con gli anni sono stati automatizzati) o su area privata e allora il concessionario si assumeva la responsabilità  dell'osservanza di alcune norme per la sicurezza. Con gli anni queste situazioni, che sono sempre un pericolo per via del passaggio a livello, sono state risolte, ma evidentemente Cosenza è più indietro in questo. Quello di Rossano è proprio uno dei tanti passaggi a livello che ancora in Calabria sono custoditi da privati. Nel 2010 ne sono stati eliminati quattro, ma di tipo simile ne resterebbero ancora molte decine. «Il responsabile è il proprietario perché la consegna avviene con una convenzione a termine di legge. I privati possono aprire il passaggio per attraversare solo rispettando determinate regole» si affrettano a chiarire a Trenitalia.

Intanto la Procura di Rossano ha aperto un fascicolo con l'ipotesi di omicidio colposo multiplo. L'area è stata posta sotto sequestro. Saranno fondamentali i rilievi dei carabinieri a stabilire la modalità  della disgrazia, ad esempio se vi erano avvisi di pericolo sufficienti, se il passaggio era aperto a chiunque o solo agli 'abitudinari', se vi era lucchetto e le vittime avessero copia delle chiavi o se il passaggio a livello era libero completamente.

I FATTI
Sabato sera, al momento in cui fa buio, verso le 17, otto persone finiscono il lavoro nei campi di raccolta di clementine e salgono a bordo di una Fiat Multipla per fare ritorno. Siamo a Folicello, tra le stazioni di Rossano e Mirto Crosia, in provincia di Cosenza. Gli otto arrivano davanti il passaggio a livello che prevede un attraversamento privato per accorciare la strada, due scendono per aprire le sbarre e far passare il mezzo, saranno gli unici a salvarsi.
La Multipla prende a muoversi ma al momento di attraversare i binari viene centrata in pieno dal treno che copre da Sibari a Crotone. Il furgoncino viene scaraventato ad oltre 300 metri di distanza dall'urto.
L'estrazione dei corpi dalle lamiere con le fiamme ossidriche dura tutta la notte. Ancora ora i vigili del fuoco non sono in grado di confermare se le vittime sono tre uomini e tre donne, come apparirebbe.

Paolo Pradolin
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[25/11/2012]


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Ovovia, il Comune di Venezia vuole i danni (video della traversata)

L’Ovovia del Ponte di Calatrava e la sua rimozione: il Comune chiama in causa per danni i progettisti e le imprese costruttrici.

Venezia, gondoliere aggredito da turista perchè lo ha fatto scendere dalla gondola [video]

Venezia, gli anni passano ma le cose non cambiano. La cultura del turista che è convinto di entrare in una città finta, dove tutto è permesso perché "paga", non migliora. Anzi. L'ultimo episodio a dimostrazione di ciò ci è giunto in redazione...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...