Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
17C
Venezia
venerdì 26 Febbraio 2021
HomeacquaInaugurati a Sant'Andrea il nuovo centro servizi Veritas e il museo dell'acquedotto di Venezia

Inaugurati a Sant’Andrea il nuovo centro servizi Veritas e il museo dell’acquedotto di Venezia

Inaugurati a Sant'Andrea il nuovo centro servizi Veritas e il museo dell'acquedotto di Venezia
Sono stati inaugurati questa mattina nella sede di Sant’Andrea, a Venezia, alla presenza del sindaco Luigi Brugnaro, dell’assessore comunale alle Partecipate, Michele Zuin, e del direttore generale di Veritas, Andrea Razzini, il nuovo centro servizi e il museo dell’acquedotto di Venezia. D’ora in avanti gli utenti che si recheranno allo sportello per chiedere informazioni o attivare un’utenza potranno anche visitare la sala espositiva, ripercorrendo la storia dell’approvvigionamento idrico in Laguna, dalla fondazione della città fino ai giorni d’oggi.

Completamente rinnovato e ristrutturato, il nuovo centro servizi mette ora a disposizione dell’utenza un’ampia sala d’attesa e numerosi sportelli per i cittadini. Accessibili dal civico Santa Croce 489 gli sportelli sono aperti da lunedì a venerdì (festivi esclusi), dalle ore 8.30 alle 12.30. E’ possibile recarsi direttamente agli uffici oppure prenotare un appuntamento telefonando al numero verde gratuito 800.466466.

Da circa un mese, ricordano da Veritas, gli utenti hanno però anche un’opportunità in più per sbrigare le pratiche relative ai rifiuti e al servizio idrico integrato: lo sportello online. Accedendo all’indirizzo https://serviziweb.gruppoveritas.it si potranno gestire i contratti, visualizzare le bollette, controllare i consumi, comunicare l’autolettura idrica o scegliere le modalità di pagamento. Il servizio ha già superato le 30 mila iscrizioni ed è in continua crescita.

Circa 11mila invece gli utenti che nel corso del 2017 si sono recati allo sportello nella sede di Sant’Andrea e che adesso potranno “ingannare” l’attesa visitando il nuovo museo, che , su prenotazione, sarà aperto anche per gruppi e scuole. Al centro della sala il motore ausiliario Tosi, che dal 1939 al 1992 ha alimentato la pompa di emergenza dell’acquedotto di Venezia.

Tutt’intorno, alle pareti, ci sono immagini recuperate da lastre di fine Ottocento, contratti di fornitura e acquisto di terreni e una dozzina di contatori. Un racconto per immagini che illustra cosa e come fu fatto per dotare Venezia di acqua potabile attraverso un moderno acquedotto e non più con pozzi, in parte alimentati dall’acqua piovana e in parte dall’acqua trasportata dai “barcaroli” dalla Terraferma. Grazie all’espansione economica e demografica, nel 1857 Venezia aveva superato i 120mila abitanti. C’erano problemi di approvvigionamento idrico, igienico e sanitario. Tra il 1874 e il 1880 arrivò il nuovo progetto.

“La storia dell’acquedotto veneziano che da 130 anni serve i cittadini della città insulare – ha commentato il sindaco Brugnaro – è una testimonianza di quanto Venezia sia sempre stata moderna. Ringrazio Veritas per la cura e l’attenzione con cui anche oggi mantiene funzionante il patrimonio delle infrastrutture idriche comunali. Da oggi tutti i cittadini potranno conoscere qualcosa più della loro straordinaria città”.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Tragedia nel Trevigiano

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Una tragedia esplode nel pomeriggio del sabato nella provincia di Treviso. Un padre di 43 anni...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E’ la seconda volta in 3 giorni

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E' la seconda volta in 3 giorni che intervengono i vigili del fuoco nel ristorante cinese "Il...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.

Chiuso profilo TikTok di donna che sfidava a soffocarsi, aveva 700mila follower

Chiuso profilo TikTok di una donna che "istigava al suicidio". Si tratta del profilo Tik Tok di una influencer con circa 700.000 follower. Il provvedimento...
spot

Coronavirus Venezia, numeri tornano oltre 100 nuovi casi in 24 ore

Coronavirus a Venezia e provincia che si mantiene in una situazione stazionaria nonostante il leggero aumento dei 'nuovi casi' dopo la tendenza positiva degli...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.