19 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Il Ragazzo e il Cigno

HomesocietàIl Ragazzo e il Cigno

Malessere. Un ragazzo arriva di corsa e sale sul tram a Forte Marghera, destinazione Venezia.
Borbotta qualcosa, si accorge che il cellulare lo informa che i biglietti sono finiti.
Accidenti, dice e si appresta a ricaricare, quando i controllori, un nutrito gruppo di uomini e donne saliti a San Giuliano, chiedono i biglietti ai passeggeri.
Il ragazzo esibisce il suo telefonino, ma gli addetti alla verifica gli dicono che era passato un minuto da quando lui è salito e lo informano che devono multarlo.
Il ragazzo si ribella, i biglietti ci sono, continua a spiegare che. . .
Niente da fare, il gruppo fa cerchio e quando il ragazzo scende a Venezia, lo minacciano di chiamare la polizia.
Il ragazzo cammina in fretta e il gruppo con zelo lo rincorre e cerca di braccarlo.
Brutta e penosa scena.
Chissà perché un minuto nella vita di quei controllori è così fondamentale in tempi di coronavirus e di morte.
Chi ha detto che la pandemia ci ha reso migliori?

Il benessere lo ha concesso un cigno che covava le sue uova in uno stagno al parco di San Giuliano.
Sul nido di canneti il cigno mamma dormiva beato scaldando le vite che presto nasceranno e il cigno papà vigilava che nessuno si avvicinasse alla sua bianca sposa e turbasse la sua quiete.
Incoraggiato dal primo sole d’estate il visitatore occasionale si ferma turbato ad osservare la bellezza di quei cigni e la gentilezza dei loro gesti amorosi.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.