COMMENTA QUESTO FATTO
 

recensione-il-giorno-dei-lord-la-voce-di-venezia

Possono 24 ore segnare il destino di un’intera nazione? A quanto pare sì! In un catastrofico ma alquanto attuale e possibile scenario apocalittico europeo, Michael Dobbs, già sceneggiatore del celebre telefilm House of Cards, introduce e induce il lettore, a vivere un giorno con il fiato sospeso, tra dubbi, domande e lo spettro del terrorismo che aleggia: questo è ”Il giorno dei Lord” (Fazi Editore, pagg. 375, 16€), il primo romanzo della serie con protagonista l’agente Harry Jones.

È il giorno della Cerimonia d’Apertura del Parlamento inglese, la regina Elisabetta e il figlio Carlo, il primo ministro, giudici, vescovi, leader spirituali, baronesse ecc, sono tutti riuniti nella Camera dei Lord. Con loro anche il figlio del primo ministro britannico e il figlio della presidente USA. Quattrocento anni prima, nella stessa occasione, Guy Fawkes aveva cercato di far saltare in aria tutti, ora tocca ad un nuovo gruppo di congiurati, stavolta stranieri, prendere d’assalto la Camera.
Ventiquattr’ore di pura tensione in cui le crisi politico-diplomatiche si mescolano a quelle personali: i terroristi terranno sotto scacco una nazione e il mondo intero, il tutto in diretta tv. Ma dovranno vedersela con Harry Jones, parlamentare ed ex militare pluridecorato, noto sia per il suo coraggio che per la sua rischiosa intraprendenza.

Incubo o premoniazione? Michael Dobbs pone il lettore all’interno di una vicenda che ha dell’incredibile, anche se, è triste dirlo, potrebbe diventare realtà. É una questione di spionaggio? Di interessi politici? Di puro e semplice terrore? Fino alla fine, è impossibile dirlo.
L’autore porta in scena il suo cavallo di Troia e crea una guerra interna: in Parlamento, a Londra, nel Paese e nel mondo, dimostrando che anche con pochi mezzi è possibile mettere in pericolo una nazione e persone che si crederebbero irraggiungibili ed intoccabili.

Le persone: sono loro le vere protagoniste del thriller. Michael Dobbs le descrive una per una, a tutto tondo (forse poco i terroristi) e così anche la celebre Regina Elisabetta II appare prima che come madre di un popolo, madre del malinconico e bistrattato Carlo. Mr. Eaton, l’attuale premier inglese capisce di amare il figlio, così come la presidente degli Stati Uniti, madre, prima che capo di una potenza mondiale.

Un America e un Inghilterra alleate dalla Guerra Mondiale, ma che per principi e dubbi finiscono per mettere una contro l’altra e forse i terroristi servono proprio a questo, sono la scintilla che fa scoppiare la crisi politica, diplomatica e personale di ogni personaggio implicato nella vicenda.

Thriller politico come solo Michael Dobbs è in grado di scrivere, Il giorno dei Lord, è solo il primo di una serie che, se questa è la premessa, avrà solamente altre perle adrenaliniche da regalarci. Sa scrivere di politica, di intrighi e false alleanze e sa descrivere molto bene, i protagonisti delle sue storie, che proprio perché celano dubbi, domande e svelano il loro dark side, hanno fatto e continueranno a fare, il successo di queste storie sempre molto appassionanti.

Alice Bianco
Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 
Alice Bianco Sara Prian
Laureate in Tecniche Artistiche e dello spettacolo, sono grandi esperte di cinema e libri. Curano la rubrica di opere letterarie: recensioni editoriali, rassegne e nuove uscite. Sono Editor, Social Media Manager, Copywriter E' possibile contattarle a: pandorarecensioni.vdv@gmail.com

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here