venerdì 28 Gennaio 2022
5.6 C
Venezia

IL GIALLO DELL'OMICIDIO DEL PENSIONATO UCCISO DA DUE RAGAZZINE DI 15 ANNI

HomeRegione VenetoIL GIALLO DELL'OMICIDIO DEL PENSIONATO UCCISO DA DUE RAGAZZINE DI 15 ANNI

UDINE | Ucciso perché voleva violentare due quindicenni adescate in centro a Udine. Per ora è questa la verità  presunta sulla morte di un pensionato 66enne delle ferrovie, Mirco Sacher, ritrovato cadavere in un campo nella periferia di Udine. Dopo il giallo delle prime ore, è giunta la confessione di due ragazzine, anche loro residenti nel capoluogo friulano, che si sono costituite ai carabinieri di Pordenone raccontando di aver ucciso loro il 66enne per difendersi dal suo tentativo di stupro e di essere poi fuggite per paura.
L’omicidio sarebbe avvenuto nel tardo pomeriggio di domenica dopo che le due 15enni avevano chiesto e ottenuto un passaggio in autoda Sacher per andare in centro città . Il mezzo del pensionato, però, non avrebbe seguito il percorso che volevano le ragazzine ma avrebbe svoltato verso una zona di campagna appartata. Qui, secondo il racconto delle due minorenni, entrambe studentesse di buona famiglia e che conoscevano la vittima, sarebbe avvenuto prima il tentativo di abusare delle due da parte del 67enne e quindi una colluttazione fra i tre finita in tragedia. Le due giovani hanno raccontato ai carabinieri di aver ucciso l’uomo assieme strangolandolo. A ritrovare il suo copro senza vita è stato un uomo che ha rivelato come il cadavere fosse riverso a terra ma con i pantaloni abbassati. Ed ha pure riferito alla Polizia di aver visto poco tempo prima tre persone nel campo, vicino a un'auto di piccola cilindrata.

I Carabinieri, che hanno proceduto al fermo, stanno verificando i passaggi della ricostruzione fornita dalle due giovani friulane. Le due ragazzine avrebbero dichiarato ai carabinieri che non era la prima volta che la vittima offriva loro passaggi in auto, specificando che prima di domenica non avevano mai temuto per la loro incolumità . Una delle due ragazze, comunque dichiarate in stato di fermo per l'omicidio di Mirco Sacher, avrebbe su un seno segni compatibili con una colluttazione. I segni potrebbero confermare il racconto fornito dalle due minorenni. Resta da chiarire quanto successo dal momento della morte di Sacher all’ora in cui le due ragazzine si sono consegnate ai carabinieri di Pordenone.

Lasciato il campo dove avrebbero strangolato il 66enne, a bordo della sua auto si sarebbero dirette in autostrada (quasi due ore dopo, come registrato dalle telecamere del casello). Giunte all'area di servizio di Limenella, in provincia di Padova, hanno chiuso e abbandonato la vettura perché era finita la benzina e hanno fatto l'autostop. Un uomo avrebbe dato loro un passaggio fino a Vicenza, da dove hanno preso il treno e sono tornate fino a Venezia Mestre, dove sono giunte a notte fonda. Qui hanno riferito di aver incontrato una coppia di ragazzi di cui conoscevano uno di vista e aver raccontato loro la vicenda. Questi le hanno dunque convinte a denunciare il fatto ai carabinieri.

Lucio Saro
[[email protected]]

Riproduzione Vietata
[09/04/2013]
(foto di repertorio)


Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

“Se John Malkovich non può entrare in albergo senza Pass, com’è entrato in Italia?”. Lettere

Buongiorno ho letto la notizia, oramai su tutti i quotidiani, in merito al blocco dell'ospitalità a Malkovich perché sprovvisto di green pass; ineccepibile e coraggioso comportamento della direzione ma mi chiedo come è entrato in Italia?? Sicuramente con un aereo...

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

Niente vaporetti senza GP: “La situazione qui a Burano è tragica”. Lettere

Con riferimento all'articolo "Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv", riceviamo e pubblichiamo. La situazione nell’isola di Burano è tragica!! Una parte degli isolani è letteralmente sequestrata in isola. Non è possibile fare un tampone...

Se un lavoratore ha l’Indennità di Disoccupazione e al tempo stesso lavora «in nero» cosa accade?

Al lavoratore che ha reso all'INPS o al Centro per l'Impiego la dichiarazione dello stato di disoccupazione può essere contestato il reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico (art. 483 c.p.) che prevede la sanzione della reclusione fino a due anni.

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

“So venexian de aqua, abito in campagna, Venezia resta la mia città”. Lettere

In risposta alla letterea: "Go fato ben a andar via (da Venezia) chea volta e no me dispiaxe proprio”. So venexian de aqua... nato nei anni cinquanta... abito in campagna a Mestre... sì, Mestre per i venexiani... se campagna... anca Mian e...

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

Francesca e il lavoro delle pulizie: questo turismo a Venezia ha riportato la schiavitù

A seguito dell’articolo “Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo”, ci scrive una ragazza pronta a condividere con noi la sua esperienza. Francesca, nata e residente nel Centro Storico, lavora da 10 anni...