4.4 C
Venezia
lunedì 06 Dicembre 2021

Il comandante straniero: epistolario dal fronte interiore, la storia di un uomo-bambino

HomeLibri, recensioni e nuove usciteIl comandante straniero: epistolario dal fronte interiore, la storia di un uomo-bambino
la notizia dopo la pubblicità

Lettere e ancora lettere, parole in libertà e ad altre costruite, articolate, poetiche, questo come suggerisce anche il titolo del libro di Lucia Vasilicò, edito da Aracne Editrice, è l’epistolario di Giovanni, Gianni o semplicemente Zio Babila, un uomo che psicologicamente si sente un adulto-bambino, che ha subito dei traumi e che cerca solamente e disperatamente di essere amato.

Fine anni ’50. Giovanni ha qualche problema psicologico e per questo è interdetto, abita a Reggio Emilia con una delle sue due sorelle, Ilaria e il padre e passa le sue giornate a scrivere: al medico di famiglia, alla sorella Amalia, al parroco don Ludovico e alla nipote Orsola. Attende che tutti gli rispondano e quando non lo fanno riscrive per riferire il perché secondo lui non replichino alle sue lettere; nel frattempo sogna di ricevere un autografo da Michèle Morgan, il suo attore preferito e muore dalla voglia di vedere e parlare con la sua amata nipote Orsola, con cui sembra aver un rapporto speciale.

‘’Eccomi sono il piccolo Giovanni che salta, quando nessuno è con me sono sempre solo’’, la frase pronunciata in una delle sue lettere, esprime con semplicità la natura del comportamento e della psicologia del protagonista. Un uomo ricco di turbamenti interiori, che non si sente accettato, nemmeno dai suoi famigliari, che sta troppo attento a ciò che pensano gli altri ed è terribilmente solo, nessuno lo ascolta e nessuno lo accetta.

Un uomo di circa quarant’anni che in cuor suo si sente metà adulto e metà bambino e che, come il lettore percepisce tra le righe, fa intendere sia però dotato di impulsi sessuali (più volte si definisce un ‘’diavolo’’). Le immagini che appaiono davanti agli occhi del lettore, le sensazioni, le metafore e le arzigogolate descrizioni di Giovanni, creano un legame, un empatia con chi legge e sono il motore del romanzo-epistolario.

Ed ecco che quel dottore al quale scrive sempre, a cui racconta il suo passato e la sua esistenza, sembra quasi diventare il lettore stesso, con il quale pare voglia confidarsi. Egli infatti mette a nudo la sua anima, gli ‘’sdoppiamenti’’ con cui convive e l’immensa solitudine che lo assale (‘’Credo che nobody voglia dire invece ‘’tutti’’, un messaggio tra le righe che esprime il senso di isolamento anche in mezzo agli altri).

Tra candore e turbamento, lungo questi binari si muove l’anima di Giovanni, alle prese con un’energia interiore che lo fa assomigliare proprio ad un comandante, quella che contraddistingue un giovanetto e una mancata volontà d’agire che lo fa addirittura sembrare più vecchio dei suoi anni.

Tormenti interni questi, che Zio Babila prova soprattutto nei confronti di Orsola, l’unica con cui vorrebbe condividere le giornate e che con la sua fanciullezza e spensieratezza gli ha allietato l’esistenza. Da lei pretende amore, più che dal resto della famiglia, perché si sente proprio come un moderno Don Chisciotte e lei è la sua Dulcinea.

Saga familiare dai toni tutt’altro che tenui, Il comandante straniero: epistolario dal fronte interiore, è poeticamente emozionante, un turbine di sensazioni, sofferenza, allegria e riflessione sul concetto di esclusione e di amore vero, che con delicatezza affronta temi importanti e con un ritmo incalzante ed armonioso, tiene il lettore incollato alle sue pagine.

Alice Bianco

copertina vasilicò il comandante straniero

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

Jesolo: cani in spiaggia, perché in pochi rispettano le regole? Perché nessuno le fa rispettare?

Come ogni anno, decido di trascorrere qualche giorno di vacanza a Jesolo con la mia compagna e il nostro bimbo di un anno e mezzo. Dato che non abbiamo esigenze particolari, andiamo in spiaggia libera, in modo da avere più spazio...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...

“Alcune malattie non hanno cure dopo 40 anni, il vaccino lo hanno fatto in pochi mesi: è un miracolo”. Lettere

E' convinzione che i miracoli siano spettanza religiosa: falso! Nell'ultimo anno e mezzo è accaduto un miracolo "laico" che ha dell'incredibile. Dopo 40 anni di ricerca, nessun vaccino contro l'HIV; nessun vaccino perpetuo contro la banale influenza; nessun trattamento farmaceutico valido...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...