1.2 C
Venezia
martedì 07 Dicembre 2021

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

HomeSicurezzaIdentificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: "Abbiamo 27 nomi"
la notizia dopo la pubblicità

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i “capi”, sono molto, molto pericolosi.
“Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno paghi immediatamente e agli altri dico ripensate a quello che state facendo”.
Queste le parole oggi di Luigi Brugnaro, a margine della festa della polizia a Mestre, a proposito della “baby gang” che in questi mesi si è resa protagonista di aggressioni e rapine tra la terraferma e il centro storico.
“Il Comune – ha proseguito Brugnaro – ha attivato anche i servizi sociali per intervenire a 360 gradi, non solo dal punto di vista repressivo: vogliamo fare proposte di lavoro o altro, proveremo a dare la carota ma non c’è dubbio che arriverà anche la bastonata”.

L’ultimo episodio con un grave pestaggio risale a sabato sera ed è avvenuto a San Giacometto, nei pressi di Rialto, dove un gruppo di 20 ragazzini, tra cui alcuni minorenni, ha mandato all’ospedale cinque amici che stavano passeggiando. Una delle vittime ha riportato 40 giorni di prognosi.
Il prefetto Vittorio Zappalorto ha già annunciato che intende incontrare i genitori di questi baby bulli, ai quali sono attribuiti almeno una dozzina di episodi: “Voglio capire se hanno fatto qualcosa, come mai sono ridotti ad avere figli che vanno in giro a fare danni e a commettere violenze – ha detto -. Poi si arriverà alla repressione, voglio capire cosa si può fare anche dal punto di vista dell’educazione”.

Le indagini sono in mano alla squadra mobile. “Qui a Venezia abbiamo un modello, quello di via Piave: risponderemo così”, ha annunciato il nuovo questore Maurizio Masciopinto, ricordando i risultati dell’inchiesta sullo spaccio a Mestre e sottolineando l’importanza della collaborazione tra le istituzioni.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

9 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

  1. Mettiamo in galera i genitori per quello che fanno i figli, il melo non diventa pero, è assurdo che loro dicano noi non possiamo fare niente, è compito del genitore educare, se non sei capace non mettere al mondo figli. Quando tuo figlio è minorenne e non rincasa o rincasa ubriaco chiama la Polizia, se ti viene a casa con un telefono nuovo e non lavora chiediti dove azzo ha trovato i soldi, se ti viene a casa con un vestito nuovo chiediti dove ha trovato i soldi, siete come gli struzzi nascondete la testa sotto la sabbia. Non siete buoni genitori ma complici dei vostri figli/e.

  2. L’ unica soluzione Charles Bronson!

    Ormai anche la polizia ha le mani legate ,non possono alzare un dito .

    Di questo dobbiamo ringraziare i buonisti.

  3. In realtà bisognava intervenire fin da subito evitando di arrivare a punte di violenza estreme.
    Come già è stato scritto,l’impunità è quanto di peggio per chi ha comportamenti socialmente devianti.

    Chi ha coscienza del bene e del male e rispetto per i diritti altrui,non ha bisogno di regole,se le sa dare da sè.

    Ma chi viceversa non ha rispetto per i diritti altrui,la bastonata la deve ricevere IMMEDIATAMENTE,già dalla prima bottiglia rotta in strada,senza attendere che diventi un flagello:attendendo c’è la matematica certezza del peggioramento.

  4. Purtroppo questi ragazzi. sono il frutto di un albero malato, nato da radici che non hanno saputo nutrirli e farli crescere come persone coscienti e poi adulti responsabili. Accecati dal tutto e subito, incapaci di resistere ad ogni tentazione nel mostrarsi bulli vincenti fino a traformarsi in mostri violenti, sono il totale di una somma di comportamenti indotti non da Marte, ma da noi stessi. Ora per rimediare non resta che rieducarli portandoli a capire il male che hanno fatto, a pentirsi per non farlo mai più. Di odio ce n’è già tanto, non aumentiamolo, il male che hanno fatto quei ragazzi non deve diventare il male dell’adulto, va arginato, rivisitato, rieducato. Diversamente non ci sarà salvezza per nessuno.

  5. Questi ragazzi vanno immediatamente fermati, prima di tutto, in modo che non commettano alte ignobili aggressioni. Poi semmai verranno contattati i genitori e poi puniti immediatamente

  6. “vogliamo fare proposte di lavoro o altro”? risposta piuttosto scomposta e stupida. Che messaggio sarebbe? “Se lasci paralizzato un malcapitato a forza di botte ti offro un lavoro”? A che scopo? riconosciamo invece gli errori della società moderna post comunista. La colpa è dell’individuo! La società sarà corrotta quanto volete ma è poi l’individuo a fare le sue scelte. Purtroppo ragazzi così violenti non hanno speranza di capire il concetto di giusto, limite, espiazione. Questi vanno semplicemente allontanati dalla società. Ottima parte della colpa di tutto ciò è lo Stato che per eccesso di velocità ti tortura e per associazione in banda al fine di perpetrare violenza e terrore rimane a guardare con l’occhio bovino. La società funziona se esiste una autorità tangibile. tuttii e 29 vanno messi in riformatorio possibilmente in isolamento per gli9 anni che meritano e sono parecchi. Se poi un padre delle vittime ne trova uno in libertà e lo massacra ha tutta la mia comprensione e appoggio morale.

    • Così quando escono sono ancora più incazzati e incattiviti.
      La punizione non ha senso se non c’è riabilitazione. E la riabilitazione non è buonismo, ma i “sinque schei de mona in scarsela” per evitare che il problema sia solo spostato avanti nel tempo

  7. Non c’e’ niente di peggio, per la formazione di un giovane, che lasciargli interiorizzare la convinzione della certezza dell’impunita’.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

Dramma sul campo di calcio nel sandonatese: 17enne sviene e non si sveglia più

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

Assessore alla Sicurezza spara durante una lite: morto marocchino

Massimo Adriatici, avvocato, assessore alla sicurezza del Comune di Voghera (Pavia), è l'uomo che ha sparato il colpo di pistola che ieri sera, poco dopo le 22, ha ucciso un uomo di 39 anni di nazionalità marocchina. Il fatto è accaduto...

“Alle vetrerie di Murano 3 milioni, anche ai furbetti, quelli che evadono milioni di euro”. Lettere

In riferimento all'articolo: "Fornaci di Murano ‘salvate’ dalla Regione". Lettere al giornale. Io penso che: …ma come, le vetrerie di Murano vengono finanziate con tre milioni di euro, dopo che più di qualcuna, da quanto leggo su quotidiani locali,   è stata “pizzicata” ad...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Chi volontariamente non si vaccina ruba un pezzo di probabilità di evitare la dissoluzione del genere umano. Lettere

Con la propaganda No-Vax io non riesco a discutere né a confrontarmi perché si tratta di un Extramondo *(una specie di Vandea del XXI secolo)* nel quale non riesco neanche a respirare. La Storia non si muove in senso vettoriale ma circolare...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Walter Onichini è in carcere, Zaia: “Mattarella conceda la grazia”

Caso Onichini: Zaia chiede la grazia per il macellaio che è in carcere per aver sparato al ladro. "Mi rivolgo al capo dello Stato e chiedo che venga concessa la grazia a Walter Onichini", sono state le parole del presidente della Regione...