0.9 C
Venezia
martedì 26 Gennaio 2021

All’Hotel Ca’ Sagredo l’evento più piccante del Carnevale di Venezia

Home eventi All'Hotel Ca’ Sagredo l'evento più piccante del Carnevale di Venezia
sponsor

sponsor

Vittoria Risi, affermata attrice hard ma non solo. Pittrice emozionale, oggi novella attrice di teatro e molto ancora, arriverà a Venezia per rappresentare la maschera più antica della storia dell’uomo: la cortigiana.
L’Hotel Ca’ Sagredo ospiterà infatti l’evento più piccante del Carnevale di Venezia.

commercial

E quando le luci a Palazzo Sagredo si abbasseranno, da quel momento il gioco della seduzione avrà inizio. Bellissime donne, ventagli a coprire mezzo viso, cicisbei, cantanti, parrucche, seni generosi in bella mostra, sussurri, sospiri, profumi, minuetti. Sensualità e acume, eros e arte, nel mondo delle cortigiane proiettate nel XXI° secolo.

La rievocazione continua con il tenutario del Casin dei Nobili, che assieme ai cicisbei condurrà nelle stanze più intime e nei morbidi salotti delle leziose fanciulle.

Questo e molto altro sarà il Gran Ballo delle Cortigiane, un evento unico che avrà luogo a Ca’
Sagredo nel giorno clou del carnevale di Venezia, giovedì 28 febbraio.

L’hotel esclusivo nel cuore di Venezia, che trova spazio tra le mura di uno splendido palazzo del 1400, con affaccio sul Canal Grande, dove a farla da padrone sono stucchi, putti, scaloni, pavimenti alla veneziana, opere d’arte, ospita una serata in grado di riportare gli ospiti a una Venezia di altri tempi, una Venezia piccante e ammaliante, nel pieno della sua seduzione.

Vittoria Risi testimonial di una serata senza scaletta, solo libertà. Libertà di iniziare la cena con un dolce al cioccolato e un distillato e magari concluderla con una tartare di pesce crudo
e prosecco. Cena, giochi, balli, all’insegna dell’erotismo. Dietro la maschera potrà nascondersi un nobile oppure un contadino. Dame e cavalieri dovranno fare attenzione in questo gioco di ambiguità e travestimenti.

L’evento
La vita di una cortigiana in ogni suo istante: il risveglio, il trucco, la vestizione, il mercato, i balli, il gioco, l’eros, diventeranno momenti di pura emozione, vissuti da dame e cavalieri ospiti del ballo. Le dame potranno truccarsi, vestirsi, assistite da leziosi cicisbei.
Proveranno profumi ed essenze orientali che troveranno al mercato. Gli uomini potranno creare delle maschere da regalare alle dame, o splendidi gioielli, coinvolti da furbi venditori. Si giocherà d’azzardo al “Casin dei Nobili”, dove gioco e sensualità si mescoleranno assieme, creando una formula magica di eros e azzardo. Il tenutario e i cicisbei insegneranno l’ars amatoria alle dame e ai cavalieri, per poi continuare il gioco della seduzione con la danza del minuetto, guidati da sapienti maestri, e infine perdersi tra i veli della danza del ventre.

Il palazzo sarà allestito con importanti scenografie: sarà ricostruita l’atmosfera dell’alcova e del mercato, oltre ai quartieri dove le meretrici esercitavano la loro attività. Ci sarà la stanza della magia, con la cartomante che predirrà il futuro, e la tenda del piacere dove mani misteriose e calde, le mani del peccato, aspetteranno le loro prede.

Le cortigiane a Venezia.
La loro attività era regolamentata dalla Serenissima. Le cortigiane potevano esercitare in precise zone di Venezia: vicino a Rialto nel quartiere cosiddetto “Castelletto” e alle Carampane. Dal famoso ponte de le Tette si affacciavano a seni scoperti per attirare la clientela. A loro era concesso di girare per la città solo il sabato e potevano esercitare la professione solo in queste zone pena la frusta.
Non solo il mestiere era redditizio per le casse della Serenissima, ma funzionava anche da deterrente contro l’omosessualità e quindi l’attività veniva in una certa maniera incentivata, o almeno non contrastata.
All’epoca, l’omosessualità era infatti molto diffusa e i colpevoli di sodomia venivano impiccati pubblicamente in piazza San Marco.

Il termine cortigiana deriva dalla parola corte: le cortigiane nel Rinascimento vivevano infatti alla corte e concedevano i loro favori non solo ai signori ma anche ai nobili che frequentavano l’ambiente.
Secondo il censimento del 1509, a Venezia c’erano più di 11mila cortigiane.
C’erano quelle “di lume” – ossia di basso rango, frequentate dai ceti sociali più bassi – e le cortigiane “honeste, donne belle e istruite, sapevano parlare più lingue e si accompagnavano a uomini illustri, tra cui letterati, nobili e magistrati della Repubblica. La più famosa cortigiana di Venezia fu Veronica Franco, nata nel 1546 da una famiglia borghese e famosa,
oltre che per la sua avvenenza, anche per il suo livello di istruzione: celebri sono
i suoi numerosi versi e poesie e i suoi salotti erano veri e propri circoli letterari. Tra le
sue frequentazioni, si ricorda Enrico Valois, figlio di Caterina de Medici a cui dedicò
anche dei sonetti.

Franco, la più famosa delle cortigiane veneziane, collezionò tra i suoi amanti più di un doge, oltre a Jacopo Robusti, il pittore noto con il soprannome Tintoretto.

Le cortigiane honeste avevano uno o più protettori, ricevevano regali, vestiti e vivevano in case lussuose, organizzavano feste e ricevimenti.
Spendevano molto nella cura della persona: avevano capelli chiari o rossi, sempre raccolti in belle acconciature, pompose gonne di raso, paggetti al seguito e zeppe alte anche 50 cm. Nei loro salotti, frequentati dalla nobiltà veneziani e straniera, si conversava di letteratura, poesia e arte.
Le cortigiane a lume, invece, vestivano con abiti maschili: camicie di tela, giubboni e calzoni. Vivevano in case misere e spesso erano vittime della sifilide.

A produrre l’evento è Alessandro Dal Pra, per anni organizzatore di grandi eventi a Venezia –
tra cui il l’intero Carnevale nel 2006 e nel 2007 – e oggi affermato professionista a servizio di
eventi nazionali e internazionali.

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...
commercial

È morto anche il papà del falconiere, Gianni Busso

Nella notte tra lunedì e martedì è morto Gianni Busso, di 72 anni, all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dov'era ricoverato dall'11 dicembre scorso per il...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...
sponsor

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Whatsapp cede dati a Facebook? Fuga di utenti in massa: sospeso tutto per tre mesi

Whatsapp cede i dati a Facebook? Sul punto c'è una gran confusione, dice l'azienda di messaggistica, ma ormai il l'allarme era partito tra i...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...
commercial

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...

Una famiglia distrutta. Tragedie del Covid, tragedie a cui manca un perché

Una famiglia distrutta dal Covid. Sterminati i genitori e il figlio. Una tragedia del Veneziano, della nostra provincia, al punto che ha fatto dire...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.