gianna nannini nei guai con il fisco per evasione fiscale

Gianna Nannini avrebbe acquistato addirittura un appartamento a Londra nel quartiere vip di South Kensington con i soldi dell’evasione fiscale, ma ieri, intanto, la Procura ha congelato 4 milioni di supposte tasse evase mettendo sotto sequestro preventivo la villa a Siena con scuderia e magazzini e autorimessa.

La Nannini è accusata di aver evaso 3 milioni e 750.000 euro nel periodo 2007-2012 interponendo — tra la propria società milanese Gng Musica srl e le case discografiche Sony e Universal — una società di diritto irlandese (Bad&Worth Limited) e una di diritto olandese (Z-Music Enterprise B.V.) prive di effettiva struttura, al solo scopo di sottrarre al fisco italiano le royalties dei dischi e dei concerti dal vivo, e delocalizzarli in territorio estero a ben più favorevole tassazione (5% in Olanda, 8% in Irlanda).

Una piccola quota di questa evasione, 126.000 euro, sarebbe invece stata realizzata dalla cantante detraendo nelle dichiarazioni dei redditi alcuni «costi inerenti ad attività di impresa canora» che invece gli inquirenti (interrogando fornitori e operai delle ditte) ritengono di poter provare riguardassero non i palcoscenici dei tour della rockstar, ma legname o gazebo o decorazioni per un’altra sua dimora in un bosco di Piacenza.

ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000

Il grosso delle contestazioni di «dichiarazione fraudolenta» (art.3 della legge 74/2000) per la 59enne cantante è però di aver creato una struttura artificiosa finalizzata a far figurare la società irlandese quale editrice/proprietaria dei diritti di sfruttamento delle canzoni, e la società olandese come licenziataria di questi diritti a favore delle major discografiche (estranee alle contestazioni): così Nannini avrebbe occultato al fisco italiano i relativi ricavi, non dichiarati né da lei né dalla Gng Musica srl di cui è proprietaria ed amministratrice unica.

Il Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Milano, che si è messo in moto dopo una verifica fiscale del 2011, rileva come questa società abbia acquistato a Londra un appartamento da 1,1 milioni a South Kensington «nella disponibilità di Nannini». La dimostrazione «inequivocabile che l’appartamento è stato acquistato su disposizioni di Gianna Nannini perchè lo avrebbe personalmente scelto: tutti i lavori interni, compreso l’arredamento, sono stati effettuati su disposizioni di Nannini che ha scelto ogni dettaglio; e che l’appartamento è nella sua completa disponibilità, tanto che ogni richiesta viene a lei veicolata per l’approvazione, finanche la domestica da lei personalmente scelta».

Redazione

[05/04/2014]

Riproduzione vietata

ULTIME NOTIZIE PUBBLICATE


Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here