30.9 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Funerale a Spinea durante lockdown: assolto parroco denunciato mentre officiava

HomeLa denunciaFunerale a Spinea durante lockdown: assolto parroco denunciato mentre officiava

La vicenda risale a marzo del 2020 e riguarda Don Riccardo Zanchin, parroco di San Vito e Modesto, a Spinea.
In verità, da subito era parso un conflitto tra imprese funebri concorrenti, tanto che veniva raccontato che una di esse aveva persino bloccato la strada ponendosi di traverso.
Alla fine, però, solo il Don si è trovato a rispondere in tribunale e, in conclusione, lo ha fatto ed è andato tutto bene.
In quel momento, all’epoca, si era in pieno lockdown, i funerali non erano ammessi e il titolare di un’impresa concorrente aveva chiamato i carabinieri.
I militari sono così intervenuti

trovando il parroco che dava l’estremo sacramento alla defunta.
Don Riccardo Zanchin si è così trovato con una denuncia in capo ed è stato mandato davanti al Gip per presunta inosservanza del dpcm dell’8 marzo.
In aula è stato ricordato come nella chiesa di San Vito e Modesto non si stesse svolgendo alcuna cerimonia in senso letterale.
Era solo accaduto che qualche familiare portasse un ultimo saluto alla defunta, nel rispetto delle misure di sicurezza previste.

(Rip.)
La vicenda risale a marzo del 2020 e riguarda Don Riccardo Zanchin, parroco di San Vito e Modesto, a Spinea.
In verità, da subito era parso un conflitto tra imprese funebri concorrenti, tanto che veniva raccontato che una di esse aveva persino bloccato la strada ponendosi di traverso.
Alla fine, però, solo il Don si è trovato a rispondere in tribunale e, in conclusione, lo ha fatto ed è andato tutto bene.
In quel momento, all’epoca, si era in pieno lockdown, i funerali non erano ammessi e il titolare di un’impresa concorrente aveva chiamato i carabinieri.
I militari sono così intervenuti

trovando il parroco che dava l’estremo sacramento alla defunta.
Don Riccardo Zanchin si è così trovato con una denuncia in capo ed è stato mandato davanti al Gip per presunta inosservanza del dpcm dell’8 marzo.
In aula è stato ricordato come nella chiesa di San Vito e Modesto non si stesse svolgendo alcuna cerimonia in senso letterale.
Era solo accaduto che qualche familiare portasse un ultimo saluto alla defunta, nel rispetto delle misure di sicurezza previste.

(foto da archivio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.