Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
5.7C
Venezia
martedì 02 Marzo 2021
HomeNotizie Venezia e MestreFotografo aggredito a San Marco, in Piazza c'è tensione

Fotografo aggredito a San Marco, in Piazza c’è tensione

Per anni il Comune ha parlato di offrire spazi, campi dedicati alla merce degli stranieri, con prodotti artigianali tipici dei loro paesi, si trattava di creare un distinguo e un allentamento del conflitto che anima il commercio in città

allarme bomba piazza san marco 2 LARGE

Fotografo aggredito nel teatro Piazza San Marco. In scena si muovono troppi attori e tutti convinti di essere in diritto di lavorare e di rivendicare il proprio spazio per tirare avanti.
I più arrabbiati sono gli ambulanti ‘legittimi’, che poco gradiscono ‘gli irregolari’, che vendono senza licenza, che, come affermano, ‘rubano il lavoro’ che oscurano la loro merce ‘di diritto’ con una presenza e insistenza eccessiva. La chiamano concorrenza sleale.

Così può capitare quel che è successo qualche giorno fa: un fotografo invita ad allontanarsi un venditore di grano, che si offriva di fotografare i potenziali clienti. Cerca di allontanarlo, quello è il suo legittimo lavoro e la reazione è stata un colpo con il bastone del selfie sulla mano.

Il fotografo si fa medicare al pronto Soccorso e sporge denuncia. E’ una realtà che si protrae negli anni e che richiama la necessità di regolamentare in qualche misura questo problema che spesso si manifesta in scontri verbali e fisici che mettono in evidenza la complessità della situazione, le incompatibilità che arrivano spesso a scontri e dissidi.

E’ evidente che sono tante le persone che tentano di sopravvivere in questa Venezia turistica, che sembra offrire mille opportunità di guadagno, ma che non regge alla moltitudine delle esigenze, dei bisogni di chi la frequenta e di chi ci vive e lavora.

La ricerca delle tollerabilità è difficile, quel che emerge da tante situazioni simili alla brutta esperienza del fotografo, è il significato di legalità. Chi ha diritto di offrire merce e servizi ai turisti? E’ vero che esistono le licenze, ma sappiamo anche che in città arrivano tante persone disperate, che hanno bisogno di racimolare qualche spicciolo per vivere.

Si aggiunga, come dicono i commercianti veneziani, che spesso si tratta di clan organizzati che rubano il lavoro in spregio alle regole. E aggiornano le loro offerte: per il Carnevale hanno già una serie di costumi da indossare per diventare figuranti della tradizione veneziana e proporre una bella foto ai turisti.

A San Marco si respira una forte tensione per questo stato di cose, ma l’ago della bilancia non può che toccare la mediazione. Per anni il Comune ha parlato di offrire spazi, campi dedicati alla merce degli stranieri, con prodotti artigianali tipici dei loro paesi, si trattava di creare un distinguo e un allentamento del conflitto che anima il commercio in città.

Poi le violenze sono talvolta il prodotto delle molteplici situazioni di conflitto, e vanno sempre richiamate e denunciate. Da qualsiasi parte provengano.

Andreina Corso

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.