6 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Fortnite spento in Cina: sono le nuove restrizioni sui videogames

Homela novitàFortnite spento in Cina: sono le nuove restrizioni sui videogames
la notizia dopo la pubblicità

Fortnite vittima delle nuove regole cinesi che sono molto stringenti. Si può giocare online un'ora al giorno solo nel weekend

L’esperienza cinese di Fortnite è arrivata al capolinea: Epic Games, lo sviluppatore del popolarissimo videogame, ha comunicato che il 15 novembre staccherà la spina al mega server che ospita il gioco in Cina.
Già da ieri tuttavia agli utenti è negata la possibilità di aprire un nuovo account, a conferma di un nuovo durissimo colpo per i fan cinesi.

Una brutta notizia che rientra nella stretta del Dragone sul settore, con i funzionari che a fine agosto hanno lanciato la campagna contro “la dipendenza degli adolescenti dall’oppio spirituale”, responsabile a loro dire di miopia, obesità e altri preoccupanti fenomeni.

Salta Fortress Night quindi, la versione cinese del videogioco caratterizzata da alcune differenze rispetto a quella standard, anche se Epic Games non ha fornito una spiegazione.

Di sicuro la nuova politica del governo di Pechino ha avuto un peso: la Cina ha limitato l’uso dei videogame online per i minori di 18 anni permettendo solo tre ore settimanali (dalle 20 alle 21 di venerdì, sabato e domenica) più il bonus dei festivi e fissando regole rigide per l’accesso come il riconoscimento facciale oltre che pesanti sanzioni agli operatori in caso di mancato rispetto delle direttive, fino al ritiro delle licenze.

Intanto anche Yahoo Inc. ha annunciato oggi la decisione di ritirarsi dal Paese citando un “ambiente commerciale e legale sempre più impegnativo”.
La società ha affermato che i suoi servizi non saranno più accessibili dalla Cina continentale a partire già dal primo novembre.
“Yahoo rimane impegnata nei diritti dei nostri utenti e in un Internet libero e aperto”, ha spiegato la compagnia californiana in una nota.

E’ la seconda grande azienda tecnologica americana nelle ultime settimane a ridurre le sue operazioni in Cina dopo LinkedIn, la piattaforma di networking professionale di Microsoft, che lo scorso 14 ottobre ha annunciato la chiusura del suo sito cinese che sarà sostituito entro la fine dell’anno da una piattaforma di forum di lavoro senza modalità social.

Un servizio limitato, in altri termini, al solo Paese e non di connessione con l’esterno denominato InJobs, privo di social feed o di possibilità di condividere post o articoli.
Insomma, una bacheca di annunci.
Yahoo aveva già avviato un percorso di ridimensionamento delle sue operazioni nel Dragone, tanto che nel 2015 decise di chiudere il suo ufficio di Pechino.

Il suo ritiro dalla Cina è in gran parte simbolico poiché diversi servizi di Yahoo e lo stesso portale web sono stati bloccati dalla censura del Great Firewall ed erano visibili solo attraverso l’uso di VPN.
Lo scorso mese l’app mobile Yahoo, con meteo e finanza, è stata rimossa dall’Apple Store cinese per la censura di Pechino a causa delle news di testate straniere, in particolare americane, ospitate. L’ultima goccia che evidentemente ha fatto traboccare il vaso.

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: “8 anni, troppe ore davanti alla Playstation : all’ospedale per paralisi collo

» leggi anche: “NON MANGIANO MA NON POSSONO STARE SENZA GIOCARE AI VIDEOGAMES

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Laura Beggiora
Giornalista, speaker radiofonica e presentatrice tv. Curatrice di eventi di cronaca e mondani, si e' trasferita in Veneto dopo lunga permanenza in Toscana. Ospite in alcune trasmissioni di Canale 5, e' attenta osservatrice del territorio che sente come casa e promuove ad ogni occasione.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Mestrino condannato per violenze sessuali alla bimba di 6 anni

Venezia. Un abominevole abuso ai danni di una bambina di sei anni. Le parole, la sentenza e le pene adeguate all’orrore di questo abominevole abuso, le assegnerà la Giustizia a colui che si stenta a chiamare uomo, colui che ha commesso reati...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Fiabe gay per i bambini negli asili e nelle materne: il Comune compra libri contro omofobia

Arrivare ai bambini attraverso le favole per contrastare l’omofobia. Il Comune di Venezia ha dotato asili nido e scuole materne di quarantasei storie per bambini, regolarmente acquistate e distribuite in migliaia di volumi. E' un’iniziativa di Camilla Seibezzi, la delegata del...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...