24.9 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Federica Giacomini, in arte Ginevra Hollander, trovata morta

HomeNotizie VenetoFederica Giacomini, in arte Ginevra Hollander, trovata morta

Federica Giacomini, in arte Ginevra Hollander, trovata morta

Federica Giacomini, in arte Ginevra Hollander, rappresenta un giallo degli ultimi tempi a cui forse oggi è possibile dare la prima risposta: la donna potrebbe esser stata trovata morta.

La ragazza, che fino ai giorni della sparizione era nota per la sua attività di pornostar con il suo nome d’arte, potrebbe essere la donna rinvenuta in una specie di cassa immersa nelle acque del lago di Garda, a Malcesine, in località Castello di Brenzone.

Il recupero del corpo sta avvenendo in queste ore e per il momento gli investigatori della squadra mobile di Vicenza, che da mesi stanno lavorando alla scomparsa della donna, non si esprimono, ma la teoria che si possa trattare di lei è più di una sensazione.

Federica Giacomini, in arte Ginevra Hollander, era improvvisamente scomparsa a capodanno e l’ultima sua traccia era stata una telefonata per gli auguri alla sua famiglia. Gli investigatori avevano battuto la pista che portava a Franco Mossoni, suo compagno attualmente in un ospedale psichiatrico giudiziario, ma finora, anche per l’assenza della persona e del suo corpo, non era stato possibile formulare ipotesi di reato attendibili.

Oggi la svolta, con il ritrovamento di un corpo di donna all’interno della cassa affondata nell’acqua, sul quale ora i consulenti svolgeranno gli accertamenti del caso.
Federica Giacomini, in arte Ginevra Hollander, trovata morta in quella bara sommersa farebbe decretare la fine del giallo della sua sparizione, facendo aprire quello del suo omicidio.

Federica, bella ragazza 43enne era scomparsa nel nulla, la denuncia dei genitori ai carabinieri di Desenzano del Garda diceva che: «Non sappiamo che fine possa aver fatto, lei ci chiamava regolarmente ma da dicembre non l’abbiamo più sentita».

La pista principale degli inquirenti della seconda sezione della squadra mobile ha puntato su un 55enne bresciano con casa a Vicenza, “Rambo”. L’uomo attualmente si trova ricoverato in una struttura protetta da quando decise di travestirsi da Rambo – con mimetica, anfibi e giubbotto antiproiettile – per scatenare il putiferio tra i corridoi dell’ospedale di Vicenza.
«Stava con me, poi è finita», avrebbe spiegato l’uomo parlando di Federica.

Redazione

[17/06/2014]

Riproduzione vietata

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.