Droga tra giovanissimi. Donazzan: “Punire duro gli spacciatori, prevenzione e pedagogia servite a poco”

ultimo aggiornamento: 25/01/2020 ore 17:32

177

spaccio degrado
Droga a giovanissimi. L’assessore regionale all’istruzione del Veneto, Elena Donazzan: “Contro chi spaccia vanno attivate azioni durissime perché, come da tempo ribadisco in ogni sede, la droga è una vera piaga tra i nostri giovani”.

“Una piaga – aggiunge – ancora più grave quando coinvolge ragazzi giovanissimi, come si legge nella cronaca giudiziaria di queste ultime ore”.

L’assessore commenta le notizie di stampa riguardanti il processo per spaccio a carico di un ventenne trevigiano, che riforniva anche un undicenne, già vittima del consumo di stupefacenti. Ma anche a Venezia, in questi giorni, sono numerose le notizie di denunce e arresti contro giovani spacciatori che riforniscono altrettanti giovani.


“Il consumo di droghe è una tra le emergenze sociali più devastanti – aggiunge Donazzan – alla pari delle tragiche morti sulla strada che spesso sono provocate proprio dall’uso di sostanze stupefacenti. Bisogna squarciare il velo d’ipocrisia che copre questo tema, o saremo indicati come complici”.

“Occorre, nei limiti e nell’ambito delle leggi e delle norme vigenti, e coinvolgendo sempre le famiglie, gli insegnanti e i capi istituto, attivare la possibilità di promuovere una fase di test nelle scuole per far capire ai giovani (e ai loro genitori) che la società, che li ama e che sta credendo in loro, li vuole proteggere”.

“La prevenzione e la pedagogia fatte fino a oggi, stando alle notizia che emergono dalle cronache – conclude – paiono essere servite a poco o a nulla e per questo servono nuove misure di maggior impatto e rilevanza sociale”.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here