COMMENTA QUESTO FATTO
 

 

[24/05] Io proporrei che il giorno 19 maggio venisse dichiarata giornata festiva per Venezia, grazie  allo scampato pericolo dal vedersi appioppare le Olimpiadi del 2020!

Già  adesso la Città  sta crollando sotto i colpi di maglio di un turismo becero e lasciato allo sbando di circa 22 milioni di persone all’anno, figuriamoci la fine che avrebbe fatto sotto la ulteriori mazzate della “civiltà ” Olimpica!

Ma la cosa più deludente e dimostrante l’ottusità  di taluni personaggi è la loro ostinazione nel voler a tutti i costi costruire una sub lagunare - che il solo nome grida vendetta davanti a Dio e all’Umanità  -  e dare a questa la colpa della mancata candidatura.

 

Già  nel 1971 Venezia è stata dichiarata dall’ UNESCO, grazie all’allora suo Presidente Renè Maheu, “PATRIMONIO UNIVERSALE DELL’UMANITA’” e messa al primo posto.
Ora, grazie agli amministratori sin qui succedutisi, siamo passati al 96° posto! Se ora la vogliono eliminare del tutto, non devono far altro che costruire la sub lagunare!

Ma però prima devono dirlo per chi dovrebbe essere fatta! Per i Veneziani? Ma se siamo sotto i 60mila abitanti! Per i turisti? Perché: i circa 22 milioni attuali non bastano più? Per i trasporti veloci, come abbiamo letto nei giornali? Perché: questi soloni politici e mercanti non hanno mai sentito parlare di Hovercraft che corrono sopra l’acqua senza far onde alla velocità  di 60-80 Kmh?

E che un hovercraft sperimentale, già  nel 2001 ha percorso il tragitto Chioggia-S.Marco in 16 minuti e Arsenale-Tessera in 12? Anche questo era stato riportato nella stampa locale, ed io ne conservo ancora gli articoli!Il costo? Per un Hovercraft da 80 posti, circa 5 milioni di euro.

E poi: fare una stazione d’arrivo alle fondamente nuove, significa demolire la case in quanto le calli attuali – strette ed anguste – non permetterebbero il passaggio dei turisti in arrivo e che poi da lì dovrebbero andare almeno fino a S. Marco!

Parliamo di costi? L’ultima delibera di Giunta del 22 gennaio del 2009 parla di un costo – per 12 kilometri – di 421milioni  di euro, il 35% dei quali a carico dell’ACTV e 270 a carico del Comune, e il resto in progetto di finanza alle solite ditte ben conosciute.

35 milioni circa – senza vie di fuga e stazioni – al kilometro! Però Brunetta nel suo programma – bontà  sua . prevedeva un costo di duemiliardi e centomilioni di euro, perché lui alla sub lagunare faceva fare il giro di Venezia con sosta alla Giudecca e arrivo a Fusina! Circa 70 milioni al Kilomtero!

Se un Hovercraft costa 5 milioni all’uno, con un Kilometro di sub lagunare quanto se ne possono acquistare?

E tutto ciò per una città  di meno di 60mila abitanti, con chiese chiuse al culto perché pericolanti, rive sconnesse, gradini del ponte di Rialto caduti in acqua, ponti pericolanti, campanili fatiscenti e i Veneziani costretti ad andare a visitare i loro cari in Cimitero con l’elmetto per il pericolo di incidenti!

E’ del tutto inutile avere la porta di casa bella (la sub lagunare) e l’interno diroccato, con i muri scrostati, i soffitti cadenti, le imposte fatiscenti!

E questi vorrebbero essere degli amministratori?

Non sarebbe molto meglio mettere Venezia – che con la sua Laguna sono   di preminente interesse nazionale – sotto la tutela delle Nazioni Unite e che venga amministrata da un Ente internazionale, vista l’incapacità  dei locali?

Gigio Zanon

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here